Newsletter n°547 – 24 marzo 2018

L’Italia del dopovoto/2

Riorientare lo sguardo: di lato

Il dibattito pre-elettorale ha seguito un’agenda imposta e un linguaggio sloganistico, ignorando temi fondamentali. Gli astenuti restano al 27%. Ora serve uno sguardo nuovo, più obliquo
Grazia Naletto


Terza Repubblica? Un interrogativo per la sinistra

Il messaggio più rilevante che arriva dalle urne è la sfiducia nella classe politica di sinistra quale garante di un futuro accettabile. Frutto del suo lungo ottimismo nelle regole di mercato per estendere il benessere sociale

Claudio Gnesutta


Il reddito di cittadinanza del M5S, di cosa stiamo parlando?

Reddito di base, reddito di cittadinanza, reddito minimo garantito: nel dibattito che si è riacceso con il successo elettorale del M5S si fa confusione tra cose diverse. Rimettiamole in fila per vederci chiaro

Elena Monticelli

Il voto al Sud, e quei pregiudizi da smontare

L’esito delle elezioni mette in crisi la maggior parte degli schemi interpretativi con cui è stato fin qui letto il voto nel Mezzogiorno. A partire dalla convinzione secondo cui quel voto sia il riflesso di un’innata vocazione particolaristica e assistenzialistica

Domenico Fruncillo


La desertificazione renziana e i corpi intermedi “mutanti”

Renzi, ante Jobs Act, voleva ridurre l’intermediazione con i “corpi intermedi” per facilitare l’affermarsi di un diverso mercato del lavoro. Ci è riuscito? In parte. Ma soprattutto è iniziata una loro mutazione, ancora in corso

Rachele Gonnelli


Le macerie della sinistra

La sinistra è stata sconfitta nelle urne perché non è stata credibile. LeU è progetto sconfitto, ma resta l’esigenza della costruzione di una forza unitaria di sinistra. Non sovranista né neocorporativa, ma in grado di proporre discontinuità e di essere coerente anche sul piano individuale

Giulio Marcon

***


La montagna cinese e i dazi di Trump

La Cina insidia il primato tecnologico Usa, senza investire in armi. I dazi di Trump e il nervosismo sull’affare Qualcomm sembrano annunciare una guerra commerciale con Pechino

Vincenzo Comito


Arrivare in orario e le patriottiche gesta di Italo treno

Nascita, battesimo e prime imprese di Italo treno, nuovo simbolo patriottico della modernizzazione, oltre che delle liberalizzazioni, recentemente venduto a una multinazionale statunitense. Zitti zitti, prima che un nuovo governo possa intervenire

Guglielmo Ragozzino


Mind the wage gap

In Italia, l’incremento della flessibilità all’interno del mercato del lavoro italiano è stato accompagnato da un aumento del gap salariale tra lavoratori con contratti a tempo indeterminato e determinato: un “effetto contratto” puramente discriminatorio

Valeria Cirillo, Marco Scelzo


***

LETTURE

“L’Unione europea può ancora essere salvata? Le implicazioni di un’Europa a più velocità” questo il titolo del volume realizzato anche quest’anno dal Gruppo EuroMemo. Pubblichiamo la traduzione italiana, scaricabile in pdf

Ventidue autorevoli studiosi italiani e internazionali. Un obiettivo comune: dare forma al lessico della «sinistra che verrà». Una riflessione collettiva sui punti di crisi e di ambiguità del presente, sulle mutazioni delle società in cui viviamo, sugli strumenti per delineare una cultura politica che sappia confrontarsi con le sfide del cambiamento

Giuliano Battiston, Giulio Marcon

***

Nella rete

Fonte: Sbilanciamoci.info – http://sbilanciamoci.info/newsletter-n547-24-marzo-2018/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *