Ghouta orientale: il racconto fantastico sotto le bombe reali

“E lui chi è?”, chiese preoccupato l’infermiere mentre scarabocchiava sul modulo di accettazione. “È il nostro primo figlio, Najem”. “Non avevate nessuno cui lasciarlo? Questo non è un posto sicuro”. “No -rispose il padre, mentre guardava il bimbetto che dormiva sulla panchina all’ingresso, rannicchiato nella coperta rossa di Rasha- siamo fuggiti due giorni fa perché hanno distrutto la nostra casa. I miei suoceri, che Dio ne abbia pietà, vivevano sotto di noi. Sono morti nel crollo”. Lui, Najem e la…

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Fonte: Altreconomia – https://altreconomia.it/ghouta-orientale-bombe-reali/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *