XIV Premio Nazionale ANPI Renato B. Fabrizi

Osimo (Ancona): domenica 22 aprile alle 17.15 a Palazzo Campana saranno consegnati i premi “Renato Benedetto Fabrizi”. Fabrizi è stato un autorevole personaggio dell’antifascismo locale, perciò definito “il padre della Resistenza osimana”. Più volte condannato, morì al confino il 29 aprile 1937 presso l’ospedale di Larino, a causa delle vessazioni subite dai fascisti, aggravate da fattori ambientali.

Quattordici edizioni di grande cultura, quattordici anni di memoria e di messaggi netti contro i fascismi di ogni tempo. È questo e molto altro il Premio Nazionale “Renato Fabrizi” che la sezione ANPI di Osimo ha tenacemente voluto a partire dal 2004, dapprima con un carattere locale, e che oggi invece il Comitato Nazionale ha ritenuto di dover valorizzare ancora di più diventandone protagonista egli stesso. L’impegno profuso negli anni dalla sezione per portare i maggiori interpreti delle nuove forme di Resistenza, con lo sguardo sempre rivolto ai valori che la Lotta di Liberazione prima e la Costituzione poi hanno indelebilmente scritto nel dna di questo Paese, è oggi rinnovato con i sei emeriti che Anpi Nazionale, provinciale e locale premieranno.

Sul palco a partire dalle 17.15 saliranno: Aldo Tortorella, partigiano, intellettuale, giornalista e già direttore dell’Unità dal 1970 al 1975, voce dei lavoratori e degli umili già dagli anni dell’occupazione nazifascista di Genova quando organizzò la propaganda e la lotta armata tra gli operai della zona di Ponente della città e Francesca Laura Wronowski che per sua stessa ammissione è nata con l’antifascismo in corpo essendo nipote del deputato socialista, assassinato dal regime, Giacomo Matteotti.

Diego Bianchi, in arte “Zoro”, è sicuramente il personaggio più noto al grande pubblico per saper ben coniugare i linguaggi contemporanei, i tempi che si accorciano fino a diventare tweet, con l’esigenza di narrare la realtà, quella delle grandi crisi industriali, delle periferie, senza dimenticare gli ultimi, i migranti.

Paolo Berizzi, di mestiere giornalista, racconta attraverso le colonne di Repubblica e dei suoi libri il diffondersi della galassia nera, il fiorire di formazioni, fuori dal tempo e molto spesso dalla realtà, che si richiamano ad un passato sconfitto e che oggi si cela dietro il razzismo più becero. Per questo suo impegno Berizzi ha ricevuto innumerevoli minacce da gruppi di estrema destra ed è stato messo sotto tutela dalla Prefettura di Bergamo.

A nome di tutti i comuni che hanno modificato le norme per la concessione di spazi pubblici vietandole di fatto a chiunque non si riconosca nei principi costituzionali propagandando invece idee fasciste, razziste, illiberali, xenofobe ed omofobe sarà premiato il sindaco di Chiaravalle Damiano Costantini.

Infine un riconoscimento ai Sambene, giovane gruppo folk nato all’interno dell’accademia dei cantautori di Recanati, il cui primo album uscirà il prossimo 24 aprile e attraverso le loro note ci porteranno lungo i “Sentieri partigiani” per tramandare le gesta di giovani donne e uomini delle Marche che si sono sacrificati per donarci la libertà e la democrazia.

Per rimarcare il nuovo cammino del “Fabrizi” sarà presente il direttore di www.patriaindipendente.it, Gianfranco Pagliarulo, e concluderà la Presidente nazionale ANPI Carla Nespolo.

Fonte: Anpi – http://anpi.it/a1973/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *