Tra i venezuelani in attesa sul ponte della speranza

“Il mese scorso ho dovuto decidere tra pagare le spese del condominio o comprare gli assorbenti. Quel giorno abbiamo deciso di lasciare il Paese”. Sono le 7 del mattino a San Antonio del Táchira, Venezuela, frenetica città di confine con la Colombia. In coda per il timbro di uscita dal Paese sul passaporto ci sono circa 500 persone. È una fila ordinata: abituati a lunghe code per riscuotere la pensione, per comprare il pane a prezzo controllato, per fare benzina, per…

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Fonte: Altreconomia – https://altreconomia.it/reportage-venezuela/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *