Macron l’europeo (continua), in Germania per ricevere il Premio Charlemagne

© David Rowe – Macron Charlemagne

8 maggio 2018 (AFP) – Emmanuel Macron ritrova Angela Merkel il Giovedi ad Aachen (Germania), dove il presidente francese riceverà dalle mani del cancelliere tedesco il prestigiosio premio Carlo Magno il quale gratifica “la sua forte visione per una nuova Europa“, un’ambizione che fa fatica a decollare. Questa visita di 24 ore, mercoledì e Giovedì nella capitale di Carlo Magno darà l’occasione a Emmanuel Macron di curare la sua immagine di convinto europeo, su cui ha costruito la sua vittoria nelle elezioni presidenziali un anno fa. Il Premio Charlemagne 2018 verrà assegnato giovedì mattina dal Cancelliere, i due leader si ritroveranno così solo tre settimane dopo la visita del presidente francese a Berlino. “Grazie per questo onore: l’Europa merita di essere difesa e rifondata!”, ha reagito Macron all’annuncio del premio a dicembre. Sarà il secondo presidente francese in carica, dopo François Mitterrand nel 1988, a ricevere questo premio assegnato a una personalità per il suo “contributo all’unificazione europea“. Sono già stati premiati la signora Merkel nel 2008, Papa Francesco nel 2016, e in precedenza, i francesi Simone Veil e Jacques Delors. La cerimonia si tiene ogni anno il giovedì dell’Ascensione nella Sala dell’incoronazione del municipio di Aquisgrana, dopo lo svolgimento di una messa.

Un anno di presidenza e di amicizia con Merkel

Accompagnato dalla moglie Brigitte, Emmanuel Macron pronuncierà il suo quarto discorso europeo importante dopo quelli di Atene, dell’Università della Sorbona di Parigi e di recente del Parlamento europeo. Sarà “un discorso di proiezione” centrato sul “sogno e l’utopia europea” all’orizzonte “2030/2050”, indica l’Eliseo. Perché non si deve “ripetere i messaggi già passati“, specificamente quelli della Sorbona dove il presidente Macron aveva svelato le sue 80 iniziative per “ricostruire l’Europa” a settembre. Otto mesi dopo, il record è magra. In particolare, a causa della paralisi della coppia franco-tedesca legata a lunghe trattative per dare vita a un governo di coalizione a Berlino in seguito alle elezioni legislative di settembre. Uscita indebolita da questa crisi, Angela Merkel ha affermato lunedì la sua fiducia nel trovare soluzioni con Macron prima del prossimo grande incontro europeo, il vertice del 28 e 29 giugno a Bruxelles. Nonostante le loro differenze, Francia e Germania trovano “soluzioni sempre comuni“, ha affermato. Berlino e Parigi stanno lottando per avanzare su una serie di questioni, comprese quelle considerate le più urgenti e facili da ottenere:
l’Unione bancaria e la riforma del Meccanismo europeo di stabilità (MES), la cui missione è di aiutare i paesi della zona euro in grande difficoltà. Piacerebbe anche a Emmanuel Macron
– L’istituzione di una capacità fiscale per l’area dell’euro, un’idea spaventosa in Germania.
In questo contesto, l’Elysée preferisce evidenziare i progressi compiuti negli ultimi mesi: lavoratori distaccati, armonizzazione fiscale, finanziamento della difesa o maggiore controllo dei flussi migratori.

Parigi sta seguendo da vicino il dibattito politico in Germania, a volte appassionato delle proposte francesi. “Le diverse sensibilità non scompariranno” ma “è con la Cancelleria che discutiamo sulla base degli impegni pro europei fatti per la formazione del governo “, dice l’Elysée. E la Presidenza ha sottolineato in contrappeso, il “lavoro” fatto in Francia in un anno, vale a dire il passaggio del deficit di bilancio sotto il 3% del PIL e le riforme strutturali “che nessuno contesta in Europa.”

Seguiteci sui social network:

Fonte: Librexpression.eu – https://www.libex.eu/2018/05/08/macron-leuropeo-continua-in-germania-per-ricevere-il-premio-charlemagne/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *