La vicenda dei migranti che avrebbero chiesto Sky. Esempio perfetto di cattivo giornalismo e di una politica senza scrupoli

[Tempo di lettura stimato: 7 minuti]

Ieri mattina Il Giornale di Vicenza ha pubblicato un articolo a firma di Valentino Gonzato dal titolo “I richiedenti asilo vogliono Sky. Scatta la protesta”.

Secondo quanto raccontato dal giornalista, lunedì 6 agosto, una ventina di migranti, ospitati in un centro di accoglienza straordinaria di Vicenza gestito dalla Cooperativa Cosep di Padova si sono presentati davanti alla Questura, per chiedere l’abbonamento a “Sky per potersi guardare il campionato di calcio”, “avere l’aria condizionata”, “ottenere la carta di identità”, dicendosi inoltre “stanchi di mangiare sempre le stesse cose”. I migranti (circa una ventina si legge nell’articolo), avrebbero protestato di fronte alla Questura “nella speranza di essere accontentati” dopo che la cooperativa che gestisce il centro aveva ignorato le loro richieste. Dopo che alcuni portavoce dei manifestanti sono stati ascoltati da un funzionario, il gruppo è tornato nelle strutture di accoglienza. La protesta, precisa Gonzato, “è stata inscenata nel primo pomeriggio di lunedì [ndr 6 agosto] ma la notizia è trapelata solamente ieri” [ndr 8 agosto. Grassetto nostro].

L’articolo, viene pubblicato anche sul profilo Facebook del quotidiano vicentino e la vicenda riportata al suo interno suscita immediatamente l’indignazione di molte persone intervenute con commenti del genere “agli immigrati si dà quel che gli italiani non posso permettersi”, “gli italiani costretti a mantenere gli immigrati”, “gli immigrati hanno tutto, gli italiani non hanno niente”, ed è cavalcata politicamente. L’assessore regionale al Lavoro, Elena Donazzan ha auspicato che con l’attuale governo «cambi radicalmente la gestione di questa gente, rimandandola a casa», l’eurodeputata Mara Bizzotto, capogruppo della Lega a Bruxelles, ha affermato che «i clandestini presunti profughi di Vicenza che protestano in Questura perché pretendono di avere Sky per vedere le partite di calcio meritano di tornare in Africa di corsa. Questi personaggi, tutti richiedenti asilo politico da anni (alcuni hanno persino presentato ricorso in tribunale dopo che la loro domanda è stata bocciata), devono capire che la pacchia è veramente finita e che possono tranquillamente tornare a casa loro senza nessuna possibilità di rimettere piede in Italia». «Altro che proteste e manifestazioni – ha proseguito Bizzotto – questa gente, che è mantenuta dallo Stato con colazione, pranzo e cena gratis, che non lavora e che passa le giornate a bighellonare, va rimpatriata il prima possibile. Si è mai visto al mondo che chi scappa veramente dalla guerra protesti perché non vede le partite di calcio su Sky? Siamo seri: le sceneggiate di questi falsi profughi di Vicenza sono l’ennesima presa in giro verso milioni di italiani in difficoltà che non sanno come arrivare alla fine del mese e che mai si sognerebbero di protestare per avere l’abbonamento a Sky». Un campionario dei cliché sull’accoglienza e l’integrazione.

Nel pomeriggio la notizia viene riportata anche da altre testate giornalistiche locali. Il Corriere del Veneto titola “«Vogliamo Sky e l’aria condizionata»: la protesta dei migranti. Donazzan: rimandiamoli a casa”. Il virgolettato delle richieste dei migranti viene ribadito anche nell’attacco del pezzo, che nel suo prosieguo, oltre a riportare anche le dichiarazioni di Bizzotto e Donazzan, racconta che il sit-in dei migranti è stato pacifico, “il presidio non ha bloccato l’ingresso e l’uscita di altre persone dalla questura” e, per questo motivo, “nei confronti dei manifestanti non è stato preso alcun provvedimento”, e che i richiedenti asilo, ricevuti da un funzionario di polizia, “hanno rivolto principalmente due richieste: una velocizzazione della pratica per le carte d’identità e un miglioramento delle condizioni dell’ospitalità”. Tra le richieste, si legge nell’articolo, “ci sarebbe appunto anche quella di avere Sky”. Un condizionale viene trasformato, dunque, in virgolettato sia nel titolo che nell’attacco del pezzo senza mai indicare una fonte diretta.

“Migranti in Questura: chiedono carta d’identità, pasti migliori, climatizzatori e Sky” è il titolo scelto da Il Gazzettino. L’articolo fornisce qualche dettaglio in più rispetto agli altri: ci fa sapere che a illustrare “al funzionario competente, in modo assolutamente pacifico, le richieste avanzate” sarebbero stati i due migranti che parlavano meglio l’italiano e che “uno dei migranti ha anche sollecitato la possibilità di poter ottenere Sky per vedere le prossime partite di calcio”. La presunta richiesta di una persona diventa il bisogno di una collettività.

Nella serata di ieri, il giornalista Fabio Butera pubblica un post su Facebook in cui mette in discussione le ricostruzioni della vicenda fatta fino ad allora.

Siccome non ho un cazzo da fare, dopo aver letto questa notizia ho chiamato la Questura di Vicenza per avere…

Pubblicato da Pha Bioh su Giovedì 9 agosto 2018

Butera racconta di aver contattato sia la Questura che la Prefettura di Vicenza e di aver appurato che a nessuno di loro risultava che i migranti avessero chiesto un abbonamento Sky per poter vedere le partite del campionato di calcio. «Lo abbiamo letto sul giornale anche noi», avrebbe dichiarato al giornalista il vicecapo-gabinetto che si è occupato della questione. A quel punto Butera contatta Valentino Gonzato che per primo aveva parlato della vicenda per chiedere quali fossero le fonti a cui aveva attinto per scrivere l’articolo e se avesse sentito anche la voce dei richiedenti asilo. A queste domande Gonzato avrebbe risposto “di avere una sua fonte che non può rivelare” e di non aver sentito i migranti perché “non c’è stato tempo”.

Leggi anche >> Un giornalismo migliore rende i lettori migliori

Il post di Butera diviene in poco tempo virale, richiamando l’attenzione di testate giornalistiche nazionali e di tante persone che sui social network iniziano a porre dubbi sull’effettiva ricostruzione dell’intera vicenda.

Il Corriere della Sera e Il Fatto Quotidiano contattano la Questura e la Prefettura che confermano quanto scritto da Butera nel suo post su Facebook: i migranti si sono effettivamente presentati di fronte alla Questura ma tra le loro richieste non c’erano né l’abbonamento Sky né l’aria condizionata, e “nella riunione tra i responsabili della Prefettura e quelli della Cosep [ndr la cooperativa che gestisce il centro che ospita i richiedenti asilo] si è parlato solo delle richieste di residenza e di problematiche generiche legate al cibo”. La Questura ha, inoltre, precisato a Il Fatto Quotidiano che i migranti non hanno protestato né manifestato, come scritto in alcuni articoli o dichiarato dall’eurodeputata leghista Bizzotto: «Se 15 persone che parlano con un funzionario pubblico sono una protesta, allora all’anagrafe di Roma ogni giorno c’è una sommossa».

Sentito da Valigia Blu, il gabinetto della Questura di Vicenza ha detto che lunedì scorso una quindicina di richiedenti asilo si sono presentati in modo pacifico senza inscenare alcuna forma di protesta agli uffici della Questura e che alcuni di loro sono stati ricevuti da un funzionario, ma di non essere in grado di sapere di cosa si è parlato durante il colloquio. In ogni caso, ha concluso la Questura, si tratta di «richieste che non sono di sua competenza ma della Prefettura». La Prefettura, a sua volta, ci ha detto di non aver ricevuto i migranti che protestavano davanti alla Questura ma di aver incontrato i responsabili della cooperativa Cosep. «Con loro abbiamo parlato delle questioni relative all’iscrizione anagrafica, la certificazione di residenza e i documenti d’identità, documenti necessari per poter avere un lavoro regolare. E poi abbiamo parlato di problematiche relative al cibo e di soluzioni per avere migliori condizioni di ospitalità. La fantomatica richiesta di un abbonamento Sky l’abbiamo letta sui giornali, da noi nessuno ha chiesto questo».

Anche la Cosep, la cooperativa di Padova che gestisce il centro di accoglienza straordinaria di Vicenza che ospita, come si legge sul sito, “55 migranti, provenienti dal corno d’Africa e dal Bangladesh”, ha confermato a Valigia Blu quanto dichiarato dalla Prefettura e ha spiegato di essere venuta a conoscenza della vicenda dai giornali e che l’unica richiesta avanzata, per quanto è dato loro sapere, è quella anagrafica.

La richiesta di avere Sky e l’aria condizionata, dunque, non c’è mai stata. La Questura e la Prefettura non hanno potuto smentire né confermare questa notizia perché semplicemente non c’era. Almeno ufficialmente. Né si capisce come sia saltata fuori. Nel frattempo, il Corriere del Veneto ha provveduto a modificare titolo e attacco del pezzo.

Qui la prima versione:

Qui la versione modificata:

Molte persone hanno condiviso il post di Butera e gli articoli di Corriere della Sera e Il Fatto Quotidiano nei commenti sulla pagina de Il Giornale di Vicenza su Facebook, chiedendo al quotidiano una rettifica o chiarimenti che non sono arrivati. C’è stato poi chi sta segnalando la notizia come falsa su Facebook per chiederne la rimozione. Come in altre occasioni, i social sono stati un argine contro la disinformazione.

Stamattina leggo questo post di Pha Bioh su diverse bacheche. “Siccome non ho un cazzo da fare, dopo aver letto questa…

Pubblicato da Roberta Pagnoni su Venerdì 10 agosto 2018

Abbiamo provato a contattare la redazione de Il Giornale di Vicenza e, in particolare, l’autore dell’articolo Valentino Gonzato, per potergli chiedere se confermava quanto sostenuto da Butera nel suo post e fargli alcune domande, ma non abbiamo ancora avuto risposte:

C’è fonte che può dare riscontro alle richieste e non può essere rivelata? E se sì, perché la scelta dell’anonimato? È vero che non c’è stato tempo di sentire i richiedenti asilo che avrebbero formulato la richiesta? E poi quanti sono quelli che hanno formulato la richiesta considerato che Il Gazzettino in un altro articolo parla di una persona?

Ieri il Giornale di Vicenza ha pubblicato un nuovo articolo replicando sostanzialmente quanto già scritto nel primo pezzo di Gonzato e non rispondendo alle questioni sollevate da Butera e dalle altre testate che hanno cercato di appurare quanto accaduto e da quanto dichiarato da Questura e Prefettura.

Venerdì sera nonostante le smentite e i chiarimenti, è arrivato il tweet del Ministro dell’Interno, Matteo Salvini:

Il Ministro non solo twitta una cosa risultata senza riscontri, con il rischio di aizzare esseri umani contro altri esseri umani, ma evidentemente non ha nemmeno letto l’articolo da lui stesso condiviso. Visto che il titolo de Il Giornale è: “I migranti vogliono Sky”. Ma la questura nega tutto.
E nel corpo dello stesso articolo si può leggere: “La Lega però aveva cavalcato la vicenda, erroneamente riportata anche da noi”.

La questione più rilevante dell’intera vicenda è il ricorso all’anonimato delle proprie fonti. In altre parole, è stato pubblicato un articolo senza prove a sostegno, riportando un sentito dire trapelato dopo alcuni giorni, non verificato e non verificabile, senza alcun riscontro e ignoto persino alle fonti ufficiali (Questura e Prefettura) che della vicenda si sono occupati in prima persona. L’ennesima notizia non verificata che finisce con il generare indignazione e contribuisce a rafforzare l’immaginario di cui si nutrono le narrazioni sugli immigrati e l’accoglienza. Un modo di usare il giornalismo per avvelenare il clima e inquinare il dibattito pubblico. Un esempio perfetto di cattivo giornalismo. E di cattiva politica che cavalca senza scrupolo queste notizie sebbene siano risultate senza fondamento.

Foto in anteprima via Pha Bioh

Segnala un errore

Fonte: Valigia Blu – https://www.valigiablu.it/protesta-migranti-sky-bufala/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *