Così Vincino, così lontano

Non ero pronto al coccodrillo per Vincino. Un pazzo immortale. Il pennarello nel taschino della camicia, sempre. I disegni espressività. “Qui c’è un fax?” Pure quando lo avevo invitato a un ennesimo incontro sulla satira (uff) ma era solo il 2011, un’eternità fa. E’ il destino di chi fa (almeno) una vignetta al giorno: ansia giornaliera da tematica (milioni per chi non è allineante) e ricerca di un fax (lui), gli altri di una connessione. Era connesso e sconnesso. Ok.
Che poi alla fine fu un bell’incontro. Una tavolata di esordienti, più o meno. Flaviano (ora fumettista di punta della Marvel, io, Vincino, Antonella Marrone (giornalista di Liberazione), Gianpiero Caldarella (Pizzino ed Emme), Makkox, Giuliano Cangiano, grande illustratore. La discussione, organizzata da “Mamma!” la rivista inventata da Carlo Gubitosa e da me che come sottotitolo aveva: “se ci leggi è giornalismo, se ci quereli è satira”. Un tentativo sperimentale di libertà totale di satira e giornalismo grafico, in un momento storico in cui inserti e riviste di satira non esistevano praticamente più. E Vincino ne sapeva più di tutti, dal “Male”, per me forse l’unica vera pubblicazione satirica insieme al diversissimo (come diversa era la società degli anni ’90) successivo “Cuore”, al siciliano “Pizzino”, di venticinque anni dopo. I vignettisti, e anche lui, sono solitari, gelosi dei propri luoghi di pubblicazione, individualisti. Ma Vincenzo amava anche il gruppo, la pubblicazione indipendente, anche se poi indipendente lo era comunque su qualsivoglia pezzo di carta o di web lo ospitasse.
E quindi si discettava: dove va la satira? E dove andava, e che satira (?). Le satire vanno poi dove vogliono, ed è talmente inutile cercare recinti di “purezza (boh) satirica”. Fa quello che vuole e Vincino pure. Unico problema spesso è farsi pagare (ora di più) e su questo ci ha anche insegnato a non svendere (troppo) “l’arte”. Poi, se gli chiedevo una vignetta (come è capitato per il Manifesto) la dava anche gratis, comunicandomi comunque l’iban, che non si sa mai.
E, infatti, partecipò anche a “Mamma!” gratis, ché l’unica cosa che poteva fare anche per sostenere chi ci provava, senza editori, senza padroni.

I suoi disegni erano brutti come è brutto Chagall. Lui riderebbe chiedendo se ho fumato. Ma i suoi espressivi omini e donnine e politici, spiegavano svolazzanti, e qua e là, già tutto, anche senza quelle decine di parole che facevano spesso somigliare un suo lavoro a un minifumetto piuttosto che a una vignetta.
Concordo con quello che mi ha scritto a caldo il mio compare su “Mamma!” Carlo Gubitosa: “L’eredità culturale che ci lascia Vincino non è solo quella del vignettista. Lo ricordo con affetto come giornalista politico (il primo a entrare a palazzo con la matita e non con la penna), come sincero e appassionato militante radicale, come situazionista irriducibile fino all’ultimo, quando ha messo lo storico busto in marmo di Andreotti realizzato dal ‘Male’ in quella Piazza del Gesù che un tempo era della DC e poi è stata espugnata dalla redazione del ‘Male di Vauro e Vincino’ per una bella stagione di satira, e lo ricordo con affetto come artista, fantasista, ragazzino che guardava la politica divertito senza mai smettere di farle pernacchie ai vestiti finti degli imperatori”.
E a proposito di vignette sui quotidiani, una volta mi scrisse una cosuccia impegnativa e gradassa (oltre a individualisti siamo piuttosto gradassi, forse per farci forza e coprire i santi dubbi che ci pigliano prima di realizzare un lavoro che sembra definitivo): “Io credo che l’unico spazio di verità dentro un giornale sia il quadratino della vignetta, cioè su trenta, cinquanta pagine l’unico spazio di verità sia il piccolo quadratino e sia responsabilità nostra quindi ogni volta pensare con la nostra testa e le nostre matite”.

E adesso Vincino dove vai? Non era questo a cui si pensava quando dicevamo “non c’è ricambio nemmeno nella satira”.
Mauro Biani (articolo uscito su il manifesto di mercoledì 22 agosto 2018).

Fonte: Maurobiani.it – http://maurobiani.it/2018/08/22/cosi-vincino-cosi-lontano/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *