Esperti a confronto per migliorare l’accoglienza in famiglia dei MISNA

Una due giorni per approfondire l’accoglienza familiare dei minori stranieri non accompagnati: l’appuntamento sarà domani e venerdì – 13 e 14 settembre – a Milano, presso l’Università IULM (via Carlo Bo, 1) e riunirà gli esperti di sei Paesi europei – Olanda, Italia, Grecia, Cipro, Croazia e Belgio nell’ambito del progetto ‘Alfaca II’. L’incontro prevede le relazioni di esperti del sistema di protezione all’infanzia, tra cui rappresentanti delle istituzioni pubbliche locali e centrali, istituti di ricerca ed enti non profit e sarà un’occasione di confronto sul sistema di tutela e protezione dei minori stranieri non accompagnati e sulle sue potenzialità di sviluppo, con un focus sull’accoglienza di tipo familiare.

In particolare, il progetto mira a migliorare la ricezione e la cura dei MISNA, fornendo agli attori del sistema dell’affido familiare dei Paesi partner di progetto (e in numerosi altri Stati membri) un percorso formativo per professionisti e counsellors delle famiglie affidatarie. Mira, inoltre, a rafforzare la sostenibilità dell’offerta di accoglienza familiare negli Stati membri in termini di reclutamento, formazione e accompagnamento.

In Europa l’accoglienza familiare è sottovalutata nella maggior parte dei Paesi, in particolare in quelli partner del progetto, eppure esistono incentivi per aumentare la qualità e la quantità delle accoglienze familiari. Inoltre, i partner del progetto hanno già partecipato al primo percorso di formazione ‘Alfaca’ e ricoprono ruoli in grado di intervenire positivamente sul sistema nei loro Paesi. Non va poi dimenticato che l’approccio è sostanzialmente lo stesso da Stato membro a Stato membro (giustificando, quindi, la possibilità di un approccio europeo), tanto più che esistono già una ricerca europea e una rete europea sul tema. L’appuntamento rappresenta, dunque, l’occasione di analizzare il contesto italiano e vari ambiti locali particolarmente ‘sensibili’ al suo interno, tra cui Venezia, Cagliari, Trieste, Macerata, Roma e Bari.

Sono previsti, tra gli altri, l’intervento dell’Ufficio del Garante Nazionale per l’Infanzia e l’Adolescenza, che traccerà i numeri, le modifiche legislative e il sistema della tutela volontaria, e della presidente del Tribunale per i Minorenni di Brescia e vicepresidente dell’Associazione Italiana dei Magistrati per i Minorenni e per la Famiglia, Cristina Maggia, che porterà il punto di vista di questo attore-chiave del sistema di tutela. La due giorni sarà dunque un momento di ‘training’ su temi di stretta attualità in cui Ai.Bi. è pienamente coinvolta, tanto da promuovere un progetto di accoglienza familiare organico, strutturato e in grado di evitare i ‘viaggi della speranza’ sulle carrette del mare per tanti minori stranieri non accompagnati in fuga da morte e povertà.

Fonte: Vita.it – http://www.vita.it/it/article/2018/09/12/esperti-a-confronto-per-migliorare-laccoglienza-in-famiglia-dei-misna/148999/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *