Gaza. Alta tensione dopo incursione israeliana

Sette militanti di Hamas, tra cui un comandante militare, e un ufficiale israeliano sono rimasti uccisi nel blitz scattato ieri sera mentre si tratta per arrivare ad una tregua a lungo termine a Gaza


Gaza12nov

Resta alta la tensione dopo che sette palestinesi, tra cui un comandante locale di Hamas, e un ufficiale dell’esercito israeliano sono stati uccisi in seguito ad un blitz delle forze speciali israeliane nella Striscia di Gaza.

Le formazioni palestinesi non hanno ancora preso una decisione definitiva sul tipo di risposta, anche militare, da dare all’incursione israeliana avvenuta ieri sera mentre proseguono i negoziati indiretti tra Israele e il movimento islamico Hamas, sostenuti dal Qatar e dall’Egitto, che hanno visto la scorsa settimana l’ingresso a Gaza di denaro e carburante. In queste ore non è chiaro se l’azione israeliana farà deragliare le trattative in corso.

Il commando israeliano, a bordo di un’auto e in abiti civili, è entrato nel territorio di Gaza all’altezza di Khan Yunis. L’ala militare di Hamas, Izzedine al-Qassam, ha detto che le forze israeliane sotto copertura hanno sparato e ucciso Nour el-Deen Baraka, un comandante di livello medio nella città di Khan Younis, responsabile, secondo alcune fonti, per la costruzione di tunnel sotterranei. I membri di Qassam hanno scoperto l’auto e l’hanno inseguita. C’è stato uno scambio di raffiche di mitra con i militari israeliani che sono fuggiti grazie all’aiuto dell’aviazione che ha colpito i militanti di Hamas uccidendone almeno tre. Altri tre sono morti in scontri a fuoco in cui è rimasto ucciso anche l’ufficiale israeliano. In risposta all’incursione i gruppi palestinesi hanno poi lanciato 17 razzi da Gaza verso il sud di Israele senza provocare danni di rilievo. Oggi si sono svolti in funerali delle vittime palestinesi e del militare israeliano.

L’esercito ha fornito pochi dettagli sulla ragione del raid. Il capo militare israeliano, il generale Gadi Eisenkot, ha detto che una “forza speciale” ha effettuato “un’operazione molto significativa per la sicurezza di Israele”, senza aggiungere altro. Il portavoce dell’esercito israeliano ha aggiunto che l’operazione “non aveva lo scopo di uccidere o di rapire ma solo di rafforzare la sicurezza israeliana”. Hamas invece sostiene che lo scopo era proprio quello di uccidere o sequestrare Baraka e che i suoi uomini sono riusciti a mettere in fuga il commando israeliano.

L’accaduto ha spinto il premier israeliano Netanyahu a tornare subito in Israele, tagliando corto un viaggio a Parigi, dove avrebbe dovuto incontrare il presidente francese Emmanuel Macron appena terminate le cerimonie per i 100 anni dalla fine della Prima guerra mondiale. Netanyahu ha elogiato l’ufficiale ucciso, la cui identità è stata tenuta riservata. Domenica, Netanyahu aveva difeso la sua decisione di far entrare i fondi del Qatar a Gaza allo scopo di “evitare una guerra”. Parole contraddette dal blitz israeliano di ieri sera. Nena News

AGGIORNAMENTI:

ore 17.20 – Due palestinesi uccisi in raid israeliani

Due palestinesi sono stati uccisi dai jet israeliani, Mohammed Zakariya al-Tatari di 27 anni e Mohammed Zuhdi Odeh, 22. Altri tre i feriti

ore 16.45  – Ferito gravemente 19enne israeliano da razzo lanciato da Gaza. Striscia bombardata in più punti da Israele

Secondo fonti israeliane, il razzo che ha colpito oggi un bus israeliano ha ferito in modo grave un 19enne israeliano. L’esercito israeliano ha attivato il sistema difensivo Iron Dome intercettando diversi razzi. Le sirene sono suonate nelle comunità israeliane poste vicine al confine con Gaza. Secondo il portale Ma’an in arabo almeno 80 razzi sono stati lanciati dalla Striscia verso il territorio israeliano.
L’aviazione israeliana, invece, ha compiuto alcuni raid nel nord della Striscia colpendo un sito militare israeliano e un gruppo di giovani presenti al confine con Israele. Quattro missili avrebbero raggiunto un’area vuota nei pressi del quartiere al-Tuffah a est di Gaza. Due missili avrebbero colpito anche la parte della Striscia a confine con l’Egitto

ore 14

Dopo blitz esercito (uccisi 7 militanti di Hamas e un militare israeliano) artiglieria Israele ha aperto il fuoco verso Gaza. Un colpo di mortaio palestinese ha colpito un autobus, 1 ferito. Lanciati 30 razzi nelle ultime due ore.

Fonte: Nenanews

12 novembre 2018

Fonte: Perlapace.it – http://www.perlapace.it/gaza-alta-tensione-escursione-israeliana/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gaza. Alta tensione dopo incursione israeliana

Sette militanti di Hamas, tra cui un comandante militare, e un ufficiale israeliano sono rimasti uccisi nel blitz scattato ieri sera mentre si tratta per arrivare ad una tregua a lungo termine a Gaza


Gaza12nov

Resta alta la tensione dopo che sette palestinesi, tra cui un comandante locale di Hamas, e un ufficiale dell’esercito israeliano sono stati uccisi in seguito ad un blitz delle forze speciali israeliane nella Striscia di Gaza.

Le formazioni palestinesi non hanno ancora preso una decisione definitiva sul tipo di risposta, anche militare, da dare all’incursione israeliana avvenuta ieri sera mentre proseguono i negoziati indiretti tra Israele e il movimento islamico Hamas, sostenuti dal Qatar e dall’Egitto, che hanno visto la scorsa settimana l’ingresso a Gaza di denaro e carburante. In queste ore non è chiaro se l’azione israeliana farà deragliare le trattative in corso.

Il commando israeliano, a bordo di un’auto e in abiti civili, è entrato nel territorio di Gaza all’altezza di Khan Yunis. L’ala militare di Hamas, Izzedine al-Qassam, ha detto che le forze israeliane sotto copertura hanno sparato e ucciso Nour el-Deen Baraka, un comandante di livello medio nella città di Khan Younis, responsabile, secondo alcune fonti, per la costruzione di tunnel sotterranei. I membri di Qassam hanno scoperto l’auto e l’hanno inseguita. C’è stato uno scambio di raffiche di mitra con i militari israeliani che sono fuggiti grazie all’aiuto dell’aviazione che ha colpito i militanti di Hamas uccidendone almeno tre. Altri tre sono morti in scontri a fuoco in cui è rimasto ucciso anche l’ufficiale israeliano. In risposta all’incursione i gruppi palestinesi hanno poi lanciato 17 razzi da Gaza verso il sud di Israele senza provocare danni di rilievo. Oggi si sono svolti in funerali delle vittime palestinesi e del militare israeliano.

L’esercito ha fornito pochi dettagli sulla ragione del raid. Il capo militare israeliano, il generale Gadi Eisenkot, ha detto che una “forza speciale” ha effettuato “un’operazione molto significativa per la sicurezza di Israele”, senza aggiungere altro. Il portavoce dell’esercito israeliano ha aggiunto che l’operazione “non aveva lo scopo di uccidere o di rapire ma solo di rafforzare la sicurezza israeliana”. Hamas invece sostiene che lo scopo era proprio quello di uccidere o sequestrare Baraka e che i suoi uomini sono riusciti a mettere in fuga il commando israeliano.

L’accaduto ha spinto il premier israeliano Netanyahu a tornare subito in Israele, tagliando corto un viaggio a Parigi, dove avrebbe dovuto incontrare il presidente francese Emmanuel Macron appena terminate le cerimonie per i 100 anni dalla fine della Prima guerra mondiale. Netanyahu ha elogiato l’ufficiale ucciso, la cui identità è stata tenuta riservata. Domenica, Netanyahu aveva difeso la sua decisione di far entrare i fondi del Qatar a Gaza allo scopo di “evitare una guerra”. Parole contraddette dal blitz israeliano di ieri sera. Nena News

AGGIORNAMENTI:

ore 17.20 – Due palestinesi uccisi in raid israeliani

Due palestinesi sono stati uccisi dai jet israeliani, Mohammed Zakariya al-Tatari di 27 anni e Mohammed Zuhdi Odeh, 22. Altri tre i feriti

ore 16.45  – Ferito gravemente 19enne israeliano da razzo lanciato da Gaza. Striscia bombardata in più punti da Israele

Secondo fonti israeliane, il razzo che ha colpito oggi un bus israeliano ha ferito in modo grave un 19enne israeliano. L’esercito israeliano ha attivato il sistema difensivo Iron Dome intercettando diversi razzi. Le sirene sono suonate nelle comunità israeliane poste vicine al confine con Gaza. Secondo il portale Ma’an in arabo almeno 80 razzi sono stati lanciati dalla Striscia verso il territorio israeliano.
L’aviazione israeliana, invece, ha compiuto alcuni raid nel nord della Striscia colpendo un sito militare israeliano e un gruppo di giovani presenti al confine con Israele. Quattro missili avrebbero raggiunto un’area vuota nei pressi del quartiere al-Tuffah a est di Gaza. Due missili avrebbero colpito anche la parte della Striscia a confine con l’Egitto

ore 14

Dopo blitz esercito (uccisi 7 militanti di Hamas e un militare israeliano) artiglieria Israele ha aperto il fuoco verso Gaza. Un colpo di mortaio palestinese ha colpito un autobus, 1 ferito. Lanciati 30 razzi nelle ultime due ore.

Fonte: Nenanews

12 novembre 2018

Fonte: Perlapace.it – http://www.perlapace.it/gaza-alta-tensione-escursione-israeliana/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *