I vescovi sardi: basta armi per la guerra in Yemen

La conferenza episcopale dell’isola dice no a tutto il business delle armi in una nota pubblicata per la Giornata mondiale della pace.


0005157F-un-bombardamento-in-yemen

“Oggi la nostra Regione” scrivono i vescovi sardi in una nota pubblicata per la Giornata Mondiale della Pace, “ha bisogno di una buona politica che faccia crescere il lavoro libero, creativo, solidale e partecipativo.

La produzione e il commercio delle armi non contribuiscono certo alla pace, anche se occupano molte persone e collocano in alto l’Italia nella classifica dei fabbricanti di armi”.
“La gravissima situazione economico-sociale non può legittimare qualsiasi attività economica e produttiva, senza che se ne valuti la sostenibilità, la dignità e il rispetto dei diritti umani.

Non si può omologare la produzione di beni necessari per la vita con quella che sicuramente genera morte. Tale è il caso delle armi costruite nel nostro territorio regionale e usate per una guerra, che ha causato e continua a generare nello Yemen migliaia di morti, per la maggior parte civili inermi. Un business tragico che sembra non avere nessun colpevole, poiché i vari Paesi interessati si scaricano a vicenda le responsabilità”.
“Una questione” continua la nota, “che diviene ancora più lacerante poiché tale produzione avviene in un territorio, il nostro, tra i più poveri del Paese, ancora privo di prospettive per il lavoro. Così ai nostri operai si offre uno stipendio sicuro, ma essi devono subire l’inaccettabile per mancanza di alternative giuste e dignitose”.

Globalist

27 dicembre 2018

Fonte: Perlapace.it – http://www.perlapace.it/vescovi-sardi-basta-armi-la-guerra-yemen/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *