Qualcuno deve spiegarci

Come ha fatto Paolo Ruggirello a diventare parlamentare dell’Assemblea Regionale Siciliana per tre volte. Ad essere candidato dal Movimento per l’Autonomia nel 2006 e nel 2008 e poi dalla lista Nello Musumeci Presidente nel 2012. Come ha fatto poi a passare nel Partito Democratico? E perché?

Qualcuno deve spiegarci come mai il Partito Democratico appena un anno fa ha deciso di candidarlo alla carica di Senatore della Repubblica. Alle elezioni del 4 marzo 2018 candidato sia nel collegio uninominale che nel listino proporzionale.

Qualcuno deve spiegarci come sia stato possibile, deve dirci com’è andata, perché i siciliani hanno il diritto di sapere. Ce lo dicano i Segretari dei partiti, ce lo dicano i prefetti, ce lo dica la commissione antimafia.

Paolo Ruggirello è stato oggi arrestato per mafia, accusato di aver “preso parte all’associazione mafiosa denominata Cosa nostra, quale politico destinatario delle preferenze elettorali fatte confluire da esponenti di detta associazione nel corso di varie consultazioni elettorali, fornendo un concreto e specifico contributo per garantire gli interessi del sodalizio mafioso, cui metteva a disposizione – per il tramite di singoli affiliati, con i quali intratteneva rapporti continuativi ed ai quali si rivolgeva anche per questioni personali – l’influenza e il potere derivanti anche dalla sua posizione di deputato regionale dell’Assemblea regionale siciliana”.

Fonte: I Siciliani – http://feedproxy.google.com/~r/isiciliani/~3/Gyr1G7MFqKU/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *