Genova 2001: le parole di Zucca sulla polizia e “l’assoluzione-condanna” del Csm

Il Consiglio superiore della magistratura ha dunque archiviato, cioè respinto, la procedura di trasferimento per incompatibilità ambientale del magistrato genovese Enrico Zucca sottoposto un anno fa a un potente shakeraggio mediatico per un’osservazione espressa durante un convegno sul “caso Regeni” e giudicata offensiva e scandalosa dai vertici di polizia e da certi ambienti politici e giornalistici, ma risultata corretta anche all’analisi -peraltro non benevola- del Csm. La notizia dell’archiviazione è passata sotto silenzio -che io sappia nessun giornale, tg o gr di portata nazionale l’ha riportata e tanto meno commentata- e merita invece d’essere brevemente analizzata perché dice molte cose sullo stato presente del potere in Italia.

La prima cosa che attira l’attenzione è la contraddittoria motivazione addotta dal Csm. Il caso è archiviato, la punizione di Zucca invocata a gran voce e con grande eco mediatica è respinta perché priva dei necessari presupposti legali, disciplinari, fattuali, e tuttavia il magistrato è indicato come reprobo. Le affermazioni incriminate sono definite “inopportune, specie in quanto tenute da un alto magistrato, in un convegno aperto a tutti gli operatori della giustizia, potenzialmente idonee a ingenerare un clima di generalizzata sfiducia nei confronti della polizia di Stato e a indurre una inappropriata associazione fra la polizia egiziana e quella italiana”. Sembra la motivazione di una sentenza di condanna, più che la spiegazione delle ragioni che hanno indotto a chiudere il caso. E si capisce perché: Zucca ha osato toccare tasti che nel gioco del potere non devono essere nemmeno sfiorati. La regola è nota e consolidata: non si parla della polizia, delle sue mancanze, dei suoi errori, delle sue omissioni. Non si parla del G8 genovese e della sua pesante eredità.

Zucca, nella frase incriminata, citava la difficoltà di ottenere giustizia per le torture e l’omicidio di Giulio Regeni in un Paese come l’Egitto, retto da un regime autoritario, se si pensa che anche un Paese democratico, qual è l’Italia, non è riuscito ad affrontare i suoi meno gravi casi di tortura (al G8 di Genova). “L’11 settembre 2001 e il G8 -aveva detto Zucca- hanno segnato una rottura nella tutela dei diritti internazionali. Lo sforzo che chiediamo a un Paese dittatoriale è uno sforzo che abbiamo dimostrato di non saper fare per vicende meno drammatiche. I nostri torturatori, o meglio chi ha coperto i torturatori, come dicono le sentenze dalla Corte di Strasburgo, sono ai vertici della polizia, come possiamo chiedere all’Egitto di consegnarci i loro torturatori?”.

Zucca dunque citava cose ben note, sentenze scritte dai giudici di Strasburgo, ed è questo che gli si rimprovera. Si pensi al paradosso: Zucca ha rischiato seriamente d’essere trasferito in un’altra città o di passare dal settore penale al settore civile per avere ricordato in pubblico ciò che i giudici di Strasburgo hanno chiesto all’Italia con una sentenza. La rimozione dei funzionari condannati nel processo Diaz. Funzionari che sono rientrati in servizio al termine del periodo di interdizione d’ufficio, occupando -in almeno un caso- posizioni di vertice nella polizia investigativa. Il pm ha rischiato il posto, i funzionari condannati no.

Perché dunque il Csm ha avvertito la necessità di rimarcare la “inopportunità” delle dichiarazioni di Zucca? Di quale inopportunità si parla? Le sentenze della Corte di Strasburgo sono forse anch’esse inopportune? Ricordare che l’Italia sta violando, di fatto, la Convenzione europea sui diritti umani, è forse inopportuno? E perché si è seguita una procedura che ha impedito a Zucca d’essere ascoltato?

L’archiviazione con motivazione suicida è stata approvata dal Csm con sei lodevoli eccezioni sotto forma di astensione (i quattro “togati” di area progressista; l’ex pm Piercamillo Davigo; i due “laici” indicati dal Movimento 5 Stelle) ma resta l’amara sensazione che il plenum di Palazzo dei Marescialli abbia voluto mandare un messaggio agli altri palazzi del potere e soprattutto al corpo della magistratura: guai a fare come Zucca, guai a rammentare qualche scomoda verità. È un messaggio di acquiescenza e subordinazione volontaria che non promette niente di buono.

© riproduzione riservata

Fonte: Altreconomia – https://altreconomia.it/zucca-polizia-csm/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *