SUDAN. Lascia anche il leader del golpe

L’ex ministro della Difesa, a capo da giovedì del consiglio militare, Awan Ibn Auf si è dimesso. Festa in strada, ma il movimento popolare insiste: governo civile


sudan-ibn-auf

Appena 24 ore e il generale Awan Ibn Auf si è ritirato: ieri sera l’ex vice presidente e ministro della Difesa sotto Omar al-Bashir, nominato capo del consiglio militare di transizione, ha rassegnato le dimissioni in una diretta sulla tv di Stato. E ha nominato il suo successore, il generale Abdel Fattah Burhan.

“Io, capo del consiglio militare, annuncio di abbandonare il mio posto – ha detto Ibn Auf – Questo è per il bene della nostra nazione, senza guardare a interessi speciali, piccoli o grandi che possano impedire il progresso”. Ha poi indicato il suo successore al fine di “preservare l’unità” delle forze armate.

In piazza si è subito festeggiato: dopo il golpe militare che giovedì ha portato alla deposizione di Bashir, dopo 30 anni di potere, le piazze non si erano svuotate. I manifestanti, centinaia di migliaia sono rimasti in strada contro il colpo di stato e per chiedere la formazione di un governo civile.

Al momento a capo di Khartoum resta, però, un militare: Burhan era stato nominato da Bashir a febbraio a capo dell’esercito ma durante e proteste di questi mesi aveva incontrato i manifestanti e parlato con loro. Per oggi si attene un suo discorso. Ed è probabile che i manifestanti aspettino di sentire cosa ha da dire. Le proteste sono proseguite, giovedì, dopo l’annuncio dell’esercito sulla “transizione”: due anni di governo militare, coprifuoco notturno, stato di emergenza di tre mesi e scioglimento del parlamento e della costituzione del 2005, tutte previsioni che la piazza non ha accettato leggendole come il modo per preservare il sistema di potere di Bashir, senza Bashir.

La partenza di Ibn Auf “è il trionfo della volontà delle masse”, ha commentato a caldo una delle associazioni leader del movimento popolare, la  Sudanese Professionals Association, che però aggiunge: i sit-in continuano fuori dal quartier generale dell’esercito nella capitale, sfidando il coprifuoco, fino a quando non si giungerà a un esecutivo civile. Dunque, “sciopero totale fino al pieno trasferimento dei poteri”, dice la Spa.

Fa un passo indietro anche l’esercito. Subito dopo le dimissioni di Ibn Auf, il consiglio militare ha promesso di incontrare i vari gruppi politici sudanesi e si è detto pronto a dimettersi entro un mese se un nuovo governo sarà formato.

Nena News

13 aprile 2019

Fonte: Perlapace.it – http://www.perlapace.it/sudan-lascia-anche-leader-del-golpe/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *