Diritti, non privilegi! Italiani subito!

Martedì 21 maggio conferenza stampa del Tavolo SaltaMuri per la legge sulla cittadinanza.


saltamuri

CONFERENZA STAMPA

21 maggio 2019 – h 11,30

Camera dei Deputati 
Sala Conferenze Stampa
Via della Missione 4 – Roma 

 
Il tavolo SaltaMuri pone con forza l’esigenza di conferimento della cittadinanza a tutte/i le/i bambine/i, ragazze/i non italiani nati o presenti in Italia e che frequentano la scuola italiana.

Il mondo della scuola è un terreno sensibile di accoglienza, scambio, confronto, incontro di corpi progetti culture. In cui, con le parole di Malala Yusafzai, “Un bambino, un insegnante, un libro e  una penna possono cambiare il mondo”.

Gli insegnanti italiani sono chiamati ogni giorno a sviluppare  accoglienza ed educazione alla cittadinanza.

Paradossalmente devono rivolgere il loro insegnamento alla cittadinanza, alla partecipazione democratica, ai dettami Costituzionali, a bambine/i e ragazze/i a cui i fondamentali diritti previsti dalla Convenzione ONU dei diritti dell’infanzia, ratificata dall’Italia con legge 176/ 91,  non sono riconosciuti. 

La complessità della realtà di un mondo globalizzato, nel quadro delle grandi trasformazioni che attraversano i nostri paesi, dove le migrazioni e gli incontri di culture sono storia quotidiana e urgente, richiede l’assunzione di nuove consapevolezze culturali, politiche e pedagogiche. 

La convivenza non può più fondarsi su un regime di attribuzione della civitas in base allo ius sanguinis, ma riconoscere che accanto al citizenil territorio è costituito dai molti denizen, i suoi abitanti!

800.000 ragazze e ragazzi studiano, lavorano in Italiae costituiscono nuclei sociali radicati; il riconoscimento di status di cittadini italiani a tutti gli effetti è fondamentale per il loro  futuro ma anche per quello dell’intero nostro Paese. 

Attualmente vengono penalizzati, non hanno voce, la loro è una presenza ombra nelle scuole, nei gruppi sportivi, nelle associazioni. Sono presenti, ma è come se non lo fossero.

Come possono sentirsi, percepirsi parte a pieno titolo di un paese che nega loro alcune delle esperienze con i coetanei: le visite di istruzione all’estero, la partecipazione a competizioni sportive…? Quelle che maggiormente contribuiscono a uno sviluppo sereno, all’autostima, al senso di appartenenza a una comunità.

Al compimento della maggiore età per loro si apre spesso un calvario nel percorso burocratico-amministrativo per la cittadinanza  irto di ostacoli, lungo, farraginoso. Quale rapporto con le istituzioni potranno maturare?

Percorso oggi ulteriormente complicato dal Decreto Sicurezza del Ministro Salvini che spesso porta a un’esclusione e a una grave ferita alla democrazia del nostro Paese. 

Il Tavolo SaltaMuri, composto da oltre 130 tra associazioni, gruppi di volontariato, organizzazioni sindacali, enti del terzo settore, non intende ora formulare una propria proposta legislativa pur ritenendo riduttivo il vincolo presente nel DDL n°2092 che lega la cittadinanza alla frequenza “con successo”  della scuola primaria.

Denuncia invece la contraddizione insanabile che la scuola si trova a vivere nell’essere chiamata a educare alla cittadinanza attiva soggetti ai quali la cittadinanza ora non è riconosciuta. 

E chiede al mondo della politica, della cultura, dell’economia, alla società civile di affrontare con oculatezza e competenza progettuale questo problema, ricercando le migliori condizioni possibili per la tutela dei diritti, per la coesione sociale, per garantire quella sicurezza  oggi spesso strumentalmente sbandierata ma di fatto compromessa proprio dalle politiche di esclusione ed emarginazione messe in campo. 

Occorre agire subito in questa direzione. 

Domani sarà troppo tardi, avremo dissipato risorse preziose e creato le premesse per un rancore e un senso di frustrante ingiustizia. 

La partecipazione va comunicata a: tavolo.saltamuri@gmail.com

 
 

Fonte: Perlapace.it – http://www.perlapace.it/diritti-non-privilegi-italiani-subito/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *