L’Onu insorge contro Israele per la demolizione di abitazioni palestinesi a Sur Bahir


Il 22 luglio, a firma dei massimi rappresentanti dell’ONU presenti a Gerusalemme,  Jamie McGoldrick (Coordinatore Ufficio Umanitario), Gwyn Lewis (Direzione UNWRA delle operazioni in Cisgiordania), e James Heenan (Capo Uffcio Diritti Umani nei Territori Palestinesi Occupati) è stata diramata una “dichiarazione congiunta” di ferma  condanna dell’ arbitraria   demolizione   ad opera  dell’esercito occupante israeliano di decine di abitazioni ed edifici legittimamente abitati dalla  popolazione palestinese a Sur Bahir, quartiere alla periferia di Gerusalemme Est ​occupata. I tre funzionari dell’ONU denunciano senza esitazione l’illegalità dell’operazione affermando che <La politica israeliana di distruggere le proprietà palestinesi non è compatibile con gli obblighi dettati dalla legge internazionale …Per di più provoca espulsioni e  contribuisce al rischio di ulteriori trasferimenti forzati di molti palestinesi>. E richiamano la condanna del 2004 della Corte penale internazionale per la costruzione del Muro.

La Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese, nel diffondere in allegato il testo integrale della Dichiarazione e la relativa traduzione in italiano, denuncia con grande tristezza questo ennesimo atto violento e ingiusto che colpisce brutalmente persone palestinesi già rifugiati, che adesso devono subire  la seconda espulsione della loro vita.

Se il furto della terra e delle vite palestinesi continua e Israele ancora una volta può  espellere illegittimamente e tuttavia impunemente la popolazione palestinese dai suoi territori è perché mai la comunità internazionale si è levata a contrastare efficacemente la politica espansionistica di Israele ed il suo colonialismo di insediamento.

La colpevole inerzia della comunità internazionale è la ragione per cui il genero di Trump Kushner ha potuto osare di proporre il suo piano, noto anche come “l’Accordo del Secolo”, che  tanto ha occupato i media particolarmente nell’ultimo mese.

Kushner,  la cui fondazione di famiglia ha  generosamente finanziato i progetti dei coloni, ha messo in piedi  un’astuta e subdola strategia mirante a vincere perdendo. In realtà, il piano  è stato pensato per costringere i palestinesi in un angolo dal quale l’unica loro risposta possibile  all’accordo di pace proposto (denaro contro la Terra Palestinese) non avrebbe potuto che essere un secco rifiuto. Ed infatti, la popolazione Palestinese, unita, ha rifiutato categoricamente di partecipare alla conferenza in Bahrain. Tutti i palestinesi, di qualsiasi orientamento, sanno che “l’Accordo del Secolo” è contro le leggi e le risoluzioni internazionali e contro i diritti dei profughi.

La popolazione Palestinese è sempre più vulnerabile  poiché la strategia delle autorità israeliane rende la  vita dei Palestinesi sempre più difficile, i loro diritti sempre più violati, la loro terra più ridotta. Ma i Palestinesi non perdono la loro fierezza e non rinunciano alla loro dignità. Hanno bisogno, però, più che mai del sostegno internazionale in applicazione di  leggi  e trattati sottoscritti da tutti gli Stati.

La Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese



Fonte: Articolo 21 – https://www.articolo21.org/2019/07/lonu-insorge-contro-israele-per-la-demolizione-di-decine-di-abitazioni-ed-edifici-palestinesi-a-sur-bahir/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *