La mia battaglia contro la plastica

Alice Imbastari sarà ad Assisi il 19 settembre per raccontare il suo impegno ambientalista.


Mandatory Credit: Photo by ALESSANDRO DI MEO/EPA-EFE/Shutterstock (10156657e)
Alice Imbastari, the youngest girl who takes part in the demonstration against global warming 'Global Climate Strike', in Rome, Italy, 15 March 2019. Students from several schools across the city are taking part in a massive global student strike movement called '#FridayForFuture' which was sparked by Greta Thunberg of Sweden, a sixteen year old climate activist who has been protesting outside the Swedish parliament every Friday since August 2018. 'Global Climate Strike' rally in Rome, Italy - 15 Mar 2019

Tutti i venerdì pomeriggio ormai per lei è un appuntamento fisso, quasi una missione: andare sulla spiaggia di Nettuno, in provincia di Roma, vicino a casa sua, insieme ai suoi genitori, a raccogliere i rifiuti di plastica abbandonati, bottiglie, bicchieri, cannucce, contenitori, per smaltirli nella differenziata.

Il suo modo, semplice e molto concreto, per dare una mano a salvare l’ambiente e per rispettare il nostro mondo. «Ha cominciato lo scorso febbraio», spiega al telefono sua madre Paola. «Da allora non ha più smesso. E poi ci sono le trasferte a Roma per partecipare ai Fridaysforfuture. Avere una figlia come Alice è una soddisfazione immensa, ma è anche un grande impegno», ammette.

Alice Imbastari ha 10 anni, ha appena cominciato a frequentare la quinta elementare. Per tre anni, dai 6 ai 9 anni, ha vissuto in Inghilterra con i suoi genitori, il papà graphic designer e la mamma insegnante di Lettere. Lo scorso marzo ha firmato con altri ragazzi una lettera aperta per richiamare gli adulti, i genitori all’urgenza della salvaguardia dell’ambiente e il 15 marzo ha aperto dal palco il Global strike for future a Roma, lo sciopero per il clima lanciato da Greta Thunberg e promosso dagli studenti in 98 Paesi del mondo. «Mi sono ispirata a Greta», racconta. «Ho pensato che volevo seguire il suo esempio e aiutarla». E aggiunge con fermezza: «Non voglio però essere chiamata la Greta italiana. È una definizione carina, ma io sono semplicemente Alice».

Con la carica ideale, l’entusiasmo, la spontaneità disarmante dei suoi 10 anni, Alice sarà ad Assisi, relatrice fra politici, giornalisti, uomini di cultura e di fede, al ciclo di incontri “Cortile di Francesco 2019”, evento in programma dal 19 al 22 settembre, promosso dal Sacro Convento di Assisi. Lei parlerà il 19 settembre alle 18 nell’ambito dell’incontro “Il linguaggio delle nuove generazioni”.

Un compito che non la spaventa. «Sono molto tranquilla, non voglio avere paura, perché se mi spavento poi non mi escono le parole e non riesco a farmi capire bene». A scuola, racconta, delle tematiche ambientali non si parla, molti amici hanno seguito il suo esempio, altri no. La sua famiglia, invece, la sostiene molto nel suo impegno. Del resto, lei non è diventata ambientalista soltanto adesso. «Fin da piccola ho sempre amato tantissimo la natura. Ho la passione degli animali, qualche mese fa ho salvato dalla strada due gatte e un mese fa una delle due ha partorito tre gattini, uno lo terremo con noi. Il mio futuro? Io ho già deciso: diventerò una veterinaria, per salvare la vita degli animali. Ho fatto questa scelta e non la cambierò mai».

FAMIGLIA CRISTIANA

Fonte: Perlapace.it – http://www.perlapace.it/la-mia-battaglia-la-plastica/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *