#3ottobre La giornata della memoria vuota e colpevole dell’Unione Europea

Oggi è la “giornata della memoria delle vittime della migrazione”, una memoria vuota e colpevole perché il male fatto non lo ha pagato nessuno e si continua a fare sempre peggio. 

E’ il 3 ottobre 2013 e su quella barca che si sta rovesciando ci sono 550 persone: nonostante i tentativi di aggrapparsi a pezzi del relitto e l’intervento di alcuni pescatori attirati dalle grida disperate, 368 persone muoiono affogate a poche miglia da Lampedusa. 

Una tragedia che sembrava aver rotto il silenzio scosso le coscienze, tanto che quel giorno i leader europei si impegnarono a dire “mai più” istituendo questa giornata di commemorazione. Sembrava che finalmente ci fossimo stretti attorno a un senso di comunanza e fraternità, di identificazione nell’altro.

Purtroppo ci sbagliavamo tanto che chi salva oggi, non è più un eroe, è un criminale.
Chi migra oggi, passa anni nei centri di detenzione in Libia alla mercé dei trafficanti di uomini e anche quando sopravvive al viaggio, al suo arrivo in Europa trova altre frontiere, burocratiche e umane, persecuzione, centri di detenzione, schiavitù e ancora morte.

Siamo arrivati ad oltre 20.000 morti in sei anni.
Come ogni anno stasera accenderemo una candela per le vittime e come ogni giorno continueremo a lottare per il rispetto dei diritti umani, per dare queste persone non solo un giorno di memoria ma una vita di speranze e sogni possibili da realizzare, insieme.

#3ottobre

Fonte: Baobab Experience – https://baobabexperience.org/2019/10/03/3ottobre-la-giornata-della-memoria-vuota-e-colpevole-dellunione-europea/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *