“Primavera di pace” Sconcerto e dolore

Comunicato stampa Pax Christi Italia

Ancora guerra. E la guerra porta sempre con sé morte, distruzione, paura,
fuga, terrore.

Ci sono ancora tante, troppe guerre in corso. E mentre il conflitto in
Siria è lontano dal terminare, adesso la Turchia ha iniziato i bombardamenti
contro i Curdi. Ancora vittime, soprattutto civili. E, come ci raccontano
alcuni testimoni locali, si rischia un altro massacro.

Un’azione di guerra che si
chiama, in modo beffardo e ‘diabolico’: “Primavera
di pace”
.

Chiediamo – noi di Pax Christi
insieme a tante altre persone che vogliono la pace – al governo italiano, alla
UE ed all’ONU di fare tutto il possibile per fermare subito questa nuova
tragedia, nuova sconfitta dell’umanità, adoperandosi con urgenza in tutti i
modi possibili.

Insieme al dolore per le
vittime, non possiamo tacere poi sulle nostre responsabilità: l’Italia ha
venduto in questi ultimi 4 anni 890 milioni di € in armamenti alla Turchia.
Questa è complicità! Si blocchino subito le forniture di armi alla Turchia,
anche nel rispetto della legge 185/90.

Inoltre la Turchia, come
l’Italia, fa parte della Nato, sotto guida USA, che tante responsabilità ha nel
caos attuale in Medioriente.

Noi continueremo pervicacemente
a chiedere il disarmo, ad invocare la cessazione del conflitto con la
preghiera, e a lavorare per scelte concrete di pace.

E, come spesso abbiamo detto in
momenti tragici come questo, di bombardamenti, di morti e distruzione: rifiutiamo
la guerra, gridiamo la speranza.

Firenze,
10 ottobre 2019

                                                                                                                                 Pax
 Christi  Italia

Contatti:

Segreteria Nazionale di Pax
Christi: 055/2020375 –  info@paxchristi.it – www.paxchristi.it
Coordinatore Nazionale di Pax Christi: d. Renato Sacco 348/3035658 renatosacco1@gmail.com

Fonte: Pax Christi – http://www.paxchristi.it/?p=15921

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *