Il Bambino che nasce apra i nostri occhi…

Editoriale del Presidente

+ Giovanni Ricchiuti

Con il Natale alle porte ringrazio la disponibilità di questo spazio su Verba Volant
per far volare parole di augurio, di speranza, parole… In questi giorni ho
incontrato tante scolaresche di bambine e bambini ai quali le maestre insegnano
tanti canti natalizi, che spesso hanno come tema la pace… Però c’è un rischio
reale di una certa retorica di auguri natalizi, con sentimenti che diventano
sentimentalismi. Certo sperare nella pace, ma se questa speranza, se questa
parola non è poi accompagnata da un amore per coloro i quali il Signore ha
impresso una particolare impronta, e cioè i poveri. Gli auguri che voglio farvi è
che davanti a questo Dio Bambino, a questo Dio con noi (una frase purtroppo
spesso adoperata in contesti di guerra: Gott mit uns , ce lo ricordiamo bene), ma il
Dio con noi che celebriamo in questi giorni non ha niente a che fare con queste
prospettive di guerra, di contrapposizione di alcuni contro altri.
L’augurio è che davvero il Signore Gesù ci faccia sinceri di cuore, perché e da lì
che parte la sincerità delle nostre parole. Perché di parole ipocrite sulla pace ne
stiamo sentendo fin troppe. Proprio mentre sto scrivendo questi auguri è in
corso la partita di calcio della Supercoppa Italiana, in Arabia Saudita. Si può
giustificare tutto? Pur ammettendo anche da parte del Mass Media che ci sono
problemi in Arabia Saudita, intanto però si gioca. Perché ci sono in ballo milioni
di euro che il Regime di Riyad ha destinato alle squadre. E tutti sappiamo cosa
succede in Arabia Saudita. Anche la vedova di Kashoggi , il giornalista saudita
ucciso il 2 ottobre 2018 all’interno del consolato dell’Arabia Saudita a Istambul,
ha chiesto che no si giocasse questa partita… Appelli caduti nel vuoto.
Torna alla mente il profesta Isaia: sentinella , ma quanto manca…? E la sentinella
risponde: quel giorno verrà, bisogna pazientare, bisogna attendere.
E sempre oggi ho visto in Tv il papa che parlava ad alcuni bambini nell’aula
Nervi, e diceva, parlando della pace, che c’è la guerra in tante parti del mondo. La
guerra uccide! E il nostro Dio, che ha mandato a noi suo Figlio, è un Dio di pace. Ricordo gli auguri di don Tonino che lui definì auguri scomodi. Sì, perché se il
Natale non ci scomoda, se non fa crollare in noi certe sicurezze sulla guerra, sul
possesso della terra, sulla manipolazione delle coscienze, sulla giustizia sociale
per i poveri di tutto il mondo, non possiamo fare Natale. Gli auguri diventano
scomodi, però se il Natale ci fa sussultare nella nostra coscienza di creature
umane, di figli di Dio, di fratelli e sorelle, allora si è un Natale vero. E sono auguri
che attraverso Verba Volant arrivano a voi, alle vostre famiglie. Con un
arrivederci, per chi potrà essere presente, a Cagliari per la Marcia del 31
dicembre e per il nostro convegno. Saremo lì anche per denunciare, ancora una
volta, che da lì partono bombe di fabbricazione italiana, RWM, vendute proprio
all’Arabia Saudita per bombardare lo Yemen, con tanti morti, come spesso
abbiamo denunciato. E abbiamo sentito ancora di tanti morti in Siria, e in tanti
altri Paesi.
Questo scenario tenta di chiudere i nostri occhi alla speranza, invece il Bambino
deposto in una mangiatoia è un Bambino che apre i nostri occhi perché guardino
lontano, verso un futuro diverso a quello che stiamo vivendo.
Auguri veri e sinceri di buon Natale a tutti e a ciascuno!

Fonte: Pax Christi – http://www.paxchristi.it/?p=16300

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *