Altoforno 2 ILVA, intelligenti pauca

I giudici del Riesame hanno disquisito di calcolo delle probabilità e logaritmi

Sulla base della relazione tecnica degli esperti dell’ILVA, il giudici del Tribunale del Riesame hanno restituito la facoltà d’uso dell’Altoforno 2 che il giudice Maccagnano aveva tolto all’ILVA utilizzando la relazione tecnica dell’ing. Barbara Valenzano, custode giudiziario dell’Altoforno 2

8 gennaio 2020

Per tutta la giornata di ieri – dopo la sentenza del Tribunale del Riesame – ho ponderato fra la scelta di rimanere in silenzio e quella di fare una dichiarazione.

Ma – dopo aver letto la sentenza e aver constatato che i giudici davano più credito alla relazione tecnica dell’ILVA (che considera accettabile il rischio nell’Altoforno 2) rispetto alla relazione tecnica del custode giudiziario (che considera inaccettabile il rischio nell’Altoforno 2) – ho incominciato a nutrire dei dubbi.

Ho scelto pertanto di condividere con voi i miei dubbi perché mi sembra importante far notare che il Tribunale del Riesame, senza nominare un proprio perito, valuti più affidabile la relazione dei tecnici dell’ILVA rispetto a quella del custode giudiziario (emanazione della magistratura e responsabile della custodia del’impianto).

Sulla base della relazione tecnica degli esperti dell’ILVA, il giudici del Tribunale del Riesame hanno restituito la facoltà d’uso dell’Altoforno 2 che il giudice Maccagnano aveva tolto all’ILVA utilizzando la relazione tecnica dell’ing. Barbara Valenzano, custode giudiziario dell’Altoforno 2. 

I giudici del Riesame hanno disquisito di calcolo delle probabilità e logaritmi e si sono dimostrati dotati di grandi competenze ingegneristiche nell’argomentare la sentenza di restituzione della facoltà d’uso. 

Intelligenti pauca.


Manifestazione a Taranto

Note: LE MIE RIFLESSIONI. I Giudici del Riesame non hanno nominato un proprio perito. Ma si sono espressi sulla materia tecnica. Il punto che mi lascia stupefatto è questa frase che i giudici del riesame hanno scritto nella sentenza a p. 14 in basso: “Il Tribunale non dispone di poteri probatori ufficiosi, non può cioè nominare un perito, e deve quindi misurarsi con gli unici dati tecnici disponibili in atti, pur fallibili e in ipotesi scorretti”. Avete capito bene: mettono le mani avanti e dicono: non siamo tecnici, siamo fallibili, le nostre valutazione tecniche possono essere anche per ipotesi scorrette dato che non abbiamo consultato un tecnico. In buona sostanza c’era la relazione tecnica dell’ing. Barbara Valenzano, ossia del custode giudiziario nominato ai tempi del procuratore Sebastio e del GIP Todisco. Quella relazione diceva: abbiamo calcolato il rischio, il rischio è inaccettabile, l’altoforno non è dotato delle moderne tecnologie di massima sicurezza, gli operai vanno allontanati dalla ghisa incandescente, i processi vanno automatizzati. E poiché l’ILVA non ha fatto ciò dal 2015 a oggi – sosteneva il giudice Maccagnano sulla scorta della relazione tecnica del Custode giudiziario – l’altoforno va spento perché è troppo pericoloso. Ma i giudici del Riesame – che tecnici non sono – non lo vogliono spegnere perché credono alla relazione tecnica degli esperti dell’ILVA. E così l’AFO2 (Altoforno 2) ottiene la facoltà d’uso.

Articoli correlati

  • ArcelorMittal: Peacelink, forno pizzeria sarebbe già chiuso

    Taranto Sociale

    ILVA, verdetto del tribunale del Riesame per ripresa attività dell’altoforno 2

    ArcelorMittal: Peacelink, forno pizzeria sarebbe già chiuso

    Peacelink ricorda che “la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha già condannato lo Stato italiano per non aver protetto i suoi cittadini. Da oggi, ha materiale per un’altra condanna”.

    8 gennaio 2020 – AGI (Agenzia Giornalistica Italia)

  • Verdi: "Taranto laboratorio della Ragion di Stato"

    Ilva, il Tribunale del Riesame consente la prosecuzione della produzione dell’Altoforno 2 (AFO2)

    Verdi: “Taranto laboratorio della Ragion di Stato”

    Angelo Bonelli: “Come sia possibile che sia consentita la facoltà d’uso per AFO2 di fronte ad una sentenza della Corte Costituzionale di meno di 2 anni fa, che aveva dichiarato illegittima una norma del Decreto 92/2015 proprio sulla facoltà d’uso?”

    7 gennaio 2020

  • "Se fosse stato il forno pericoloso di una pizzeria l'avrebbero già chiuso"

    Il giudice Francesco Maccagnano aveva ordinato lo spegnimento dell’impianto

    “Se fosse stato il forno pericoloso di una pizzeria l’avrebbero già chiuso”

    Un incidente mortale nel 2015 aveva ucciso l’operaio Alessandro Morricella, bruciato vivo davanti all’altoforno 2 dell’ILVA. Oggi il Tribunale del Riesame concede un’altra proroga alla produzione. Il comunicato di PeaceLink.

    7 gennaio 2020 – Associazione PeaceLink

  • Taranto, una città senza Speranza

    Editoriale

    Data la latitanza dello Stato, si fanno collette per curare le piccole vittime dell’inquinamento

    Taranto, una città senza Speranza

    Cinque anni fa Renzi annunciava 30 milioni di euro per aiutare i bambini di Taranto malati di tumore. Il M5s ha fatto ferro e fuoco contro il PD ma la ministra Grillo non ha fatto di meglio per curare i bambini col cancro. E ora Speranza dice che l’ILVA non va fermata

    20 dicembre 2019 – Alessandro Marescotti

Fonte: www.peacelink.it – https://www.peacelink.it/editoriale/a/47176.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *