Addio a Cesare Taviani

Ieri se n’è andato dopo una lunga e dolorosa malattia Cesare Taviani, simbolo straordinario della forza della solidarietà!


Curanilahue-06

Monumento al Minero, Curanilahue, Cile

Ieri se n’è andato dopo una lunga e dolorosa malattia Cesare Taviani, simbolo straordinario della forza della solidarietà!

La Tavola della Pace si stringe intorno alla moglie, ai figli, ai nipoti e agli amici che gli sono stati vicino.

Il funerale si svolgerà giovedì 6 febbraio alle ore 11 nella parrocchia Sant’Agnese di Roma ( Via Nomentana).

***

Pubblichiamo un testo a testimonianza dell’ impegno di Cesare per il popolo cileno.

IL SOGNO OLTRE IL GOLPE CILENO

 

Cesare e Giusi Taviani dal 1970 al 1975 Curanilahue e Santiago (Cile)

Curanilahue, nella lingua Mapuche,”guado pietroso” o “ luogo della pietra nera” con un evidente riferimento al carbone, è un piccolo pueblo (villaggio) lungo la strada, pista un tempo, che unisce la città di Concepciòn alle località di Lebu e Cañete, della boscosa, isolata e remota provincia di Arauco.

Qui la nostra esperienza professionale e umana è stata straordinaria: la costruzione del progetto “dal basso”, radicato sul territorio e deciso dalla comunità locale è stata la premessa per favorire un dialogo e uno scambio, nel contesto dei giovani minatori del carbone, con il “nostro mondo”.

I moduli formativi creati e attivati nel settore elettro-meccanico, del legno, della sartoria e della alfabetizzazione, sono nati e sono stati realizzati in sintonia con i compagni cileni e hanno aperto una nuova strada alle prospettive lavorative di Curanilahue. Abbiamo tutti vissuto un’esperienza che ha sedimentato la consapevolezza di poter camminare autonomamente e di partecipare al cambiamento che il Presidente Allende stava apportando in tutto il Paese.

Il golpe dell’11 settembre 1973, si è abbattuto su tutto questo in tutta la sua brutalità: ne è un esempio la storia di Maria Edith Vasquez, 18 anni, di famiglia militante comunista. A tre giorni dal golpe, i militari arrivarono a Curanilahue e non trovando a casa i suoi fratelli, prelevarono lei. Una settimana dopo ai genitori vennero recapitati la carta d’identità e il suo poncho. La notizia l’apprendemmo di notte ascoltando Radio Mosca, attraverso la BBC.

Il golpe interruppe il progetto ma non il sogno. Rimasero la Chiesa locale e la Vicaria de Solidaridad a Santiago a portare avanti il lavoro. La rete di relazioni e collaborazioni di quegli anni è stata molto importante per la “vicinanza” che l’Italia ha mantenuto con la resistenza cilena alla dittatura di Pinochet. La partecipazione e il forte sostegno che tutti noi abbiamo costruito per la campagna del NO, nel plebiscito del 1988, ne sono state la più chiara manifestazione e ci hanno restituito la bellezza del percorso fatto insieme, il senso più profondo di una vittoria collettiva.

Cesare, non potendo più parlare, scrivere e camminare a causa di una tremenda malattia, mi ascolta mentre scrivo della nostra esperienza cilena.

Giusi

Pubblicato da: progettomondo mlal in:

1966 – 2016 CINQUANT’ANNI DALLA PARTE GIUSTA

Fonte: Perlapace.it – http://www.perlapace.it/addio-cesare-taviani/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *