Egitto & co, tutte le armi italiane che calpestano i diritti umani

Alessandro Canella – Fonte: ©Radio Città Fujiko

 

“Il punto della questione – osserva Giorgio Beretta di Opal Brescia e Rete Italiana Disarmo, che ha tracciato un quadro ai nostri microfoni – è che le grandi commesse riguardano due aziende a controllo di Stato, Leonardo e Fincantieri. Anche quando si tratta di piccole commesse, tutto è finalizzato a tenere aperti i rapporti per contratti futuri”.
All’indomani del colpo di Stato di Al Sisi, l’Unione europea aveva sospeso l’invio di armi, anche per volontà dell’ex-ministra degli Esteri Emma Bonino, ma poi l’Italia ha ripreso l’esportazione, fornendo 30mila pistole alle forze di sicurezza egiziane. “È per questo che dico spesso che molto probabilmente chi ha preso in custodia Regeni aveva nella fondina una pistola italiana“, osserva Beretta… ascolta l’intervista

 

Fonte: Opal Brescia – http://opalbrescia.org/egitto-co-tutte-le-armi-italiane-che-calpestano-i-diritti-umani/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *