Strage di Hanau: Silenzi e omertà che proteggono lo stragista

Giorgio Beretta – Fonte: © “Il Manifesto” – 22 febbraio 2020

Le norme europee e anche italiane sulla detenzione di armi rappresentano una porta spalancata non solo per il “lupo solitario”, ma anche per gruppi ispirati da ideologie di stampo xenofobo

Quante armi sono legalmente detenute nei Paesi dell’Unione europea? E quanti cittadini hanno una licenza per armi? Domande semplici, finanche banali nell’era dell’informazione in tempo reale, che diventano domande cruciali all’indomani della strage di Hanau in Germania. Tobias Rathjen, detentore di una regolare licenza per porto d’armi e per la caccia, iscritto da otto anni ad un’associazione di tiro a segno a Bergen-Enkheim, in possesso di almeno tre pistole (una Glock 17 calibro 9 Luger, una Sig Sauer e una Walther, tutte legalmente acquistate via internet) e relative munizioni, ha compiuto la strage ammazzando nove persone nel quartiere frequentato da immigrati turchi e curdi della cittadina tedesca utilizzando proprio le armi di cui era regolarmente in possesso….

Leggi tutto l’articolo

Scarica l’articolo in .pdf

Fonte: Opal Brescia – http://opalbrescia.org/strage-di-hanau-silenzi-e-omerta-che-proteggono-lo-stragista/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *