La Terra è su una traiettoria insostenibile

The JP Morgan paper said ‘catastrophic outcomes’ could not be ruled out.
Il più grande finanziatore mondiale di combustibili fossili ha avvertito i clienti che la crisi climatica minaccia la sopravvivenza dell’umanità e che il pianeta si trova su una traiettoria insostenibile, secondo un documento trapelato.

Secondo il rapporto JP Morgan sui rischi economici del riscaldamento globale causato dall’uomo, la politica climatica deve cambiare, altrimenti il mondo si troverà ad affrontare conseguenze irreversibili.

Lo studio condanna implicitamente la strategia di investimento della banca americana e evidenzia le crescenti preoccupazioni tra le principali istituzioni di Wall Street in merito ai rischi finanziari e reputazionali del continuo finanziamento di industrie ad alta intensità di carbonio, come petrolio e gas.

JP Morgan ha fornito servizi finanziari per 75 miliardi di dollari alle società che si stanno espandendo in modo più aggressivo in settori come il fracking e l’esplorazione del petrolio e del gas artico dopo l’accordo di Parigi, secondo l’analisi compilata per il Guardian l’anno scorso.

Il rapporto è stato ottenuto da Rupert Read, un portavoce di Extinction Rebellion e docente di filosofia presso l’Università dell’East Anglia, ed è stato visto dal Guardian.

La ricerca degli economisti di JP Morgan, David Mackie e Jessica Murray, afferma che la crisi climatica avrà un impatto sull’economia mondiale, sulla salute umana, sullo stress idrico, sulla migrazione e sulla sopravvivenza di altre specie sulla Terra.

“Non possiamo escludere esiti catastrofici in cui la vita umana come la conosciamo sarà minacciata”, osserva il documento, che è datato 14 gennaio.

Attingendo alla vasta letteratura accademica e alle previsioni del Fondo Monetario Internazionale e del Pannello Intergovernativo delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (IPCC), il documento rileva che il riscaldamento globale raggiungerà i 3,5 ° C rispetto ai livelli preindustriali entro la fine del secolo. Sostiene che la maggior parte delle stime dei probabili costi economici e sanitari sono troppo basse perché non tengono conto della perdita di ricchezza, del tasso di sconto e della possibilità di un aumento delle catastrofi naturali.

Gli autori affermano che i responsabili politici devono cambiare direzione perché una politica climatica condotta come al solito “spingerebbe probabilmente la terra ad essere un luogo che non vediamo da molti milioni di anni”, con risultati che potrebbero essere impossibili da invertire.

“Sebbene non siano possibili previsioni precise, è chiaro che la Terra si trova su una traiettoria insostenibile. Qualcosa dovrà cambiare ad un certo punto se la razza umana ha intenzione di sopravvivere.”

La banca d’investimento afferma che il cambiamento climatico “riflette un fallimento del mercato globale, nel senso che produttori e consumatori di emissioni di CO2 non pagano per il danno climatico che ne deriva”. Per invertire ciò, evidenzia la necessità di una tassa globale sul carbonio, ma avverte che “non accadrà tanto presto” a causa delle preoccupazioni relative all’occupazione e alla competitività.

Gli autori affermano che “è probabile che la situazione [climatica] continuerà a peggiorare, forse più che in qualsiasi scenario dell’IPCC”.

Senza nominare alcuna organizzazione, gli autori affermano che si stanno verificando cambiamenti a livello micro, che si concretizzano in cambiamenti di comportamento da parte di individui, società e investitori, ma è improbabile che ciò sia sufficiente senza il coinvolgimento delle autorità fiscali e finanziarie.

L’anno scorso, l’analisi compilata per il Guardian da Rainforest Action Network, un’organizzazione ambientalista con sede negli Stati Uniti, ha scoperto che JP Morgan è stato uno dei 33 potenti istituti finanziari ad aver fornito un totale stimato di $ 1,9 trilioni al settore dei combustibili fossili tra il 2016 e il 2018.

Un portavoce di JP Morgan ha detto alla BBC che il gruppo di ricerca era “totalmente indipendente dall’azienda nel suo complesso e non un commento al riguardo”, ma ha rifiutato di commentare ulteriormente. I metadati sul pdf del rapporto ottenuto da Read affermano che il documento è stato creato il 13 gennaio e che l’autore del file era Gabriel de Kock, direttore esecutivo di JP Morgan. The Guardian ha contattato la banca d’investimento per un commento.

Le pressioni esercitate dagli scioperanti, dagli azionisti attivisti e dagli attivisti per il disinvestimento hanno spinto diverse importanti istituzioni a dichiarare che faranno del clima una priorità maggiore. Anche il modello di business delle società di combustibili fossili si sta indebolendo man mano che l’eolico e il solare diventano più competitivi. All’inizio di questo mese, l’influente banca mercantile Goldman Sachs ha declassato ExxonMobil da una posizione “neutrale” a una posizione di “vendita”. A gennaio, BlackRock, il più grande gestore patrimoniale del mondo, ha dichiarato che ridurrebbe la sua esposizione ai combustibili fossili prima di una “significativa riallocazione del capitale”.

I gruppi ambientalisti restano cauti perché enormi somme vengono investite in aziende petrolchimiche, ma alcuni analisti finanziari affermano che la situazione sta cambiando. L’ingegnere finanziario della CNBC Jim Cramer ha scioccato molti nel suo campo quando ha dichiarato: “Ho finito con i combustibili fossili. Sono alla fine. Sono davvero alla fine. ” Descrivendo come una nuova generazione di gestori di fondi pensione stava ritirando il sostegno, ha affermato che le compagnie petrolifere e del gas erano allo stadio terminale. “Il mondo ha ruotato intorno a loro. In realtà sta succedendo in fretta. State vedendo disinvestimenti da molti fondi diversi. Sarà come assistere ad una parata che dice: “Guarda, questi sono tabacco. E non li possiederemo “, ha detto. “Siamo in un nuovo mondo”.

Fonte: Peacelink.it – https://www.peacelink.it/ecologia/a/47333.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *