Le associazioni all’Ue: «Trasferite urgentemente i minori non accompagnati bloccati in Grecia»

Gli stati membri dell’ Unione Europea devono trasferire urgentemente i minori non accompagnati dalle isole greche sul proprio territorio assicurando, al contempo, che gli interessi dei minori siano adeguatamente tutelati, hanno dichiarato oggi in un documento 65 fra organizzazioni umanitarie, a tutela dei diritti umani e della società civile. Le organizzazioni hanno denunciato gravi e diffuse violazioni dei diritti umani e minacce alla salute ealla sicurezza nei confronti di minori non accompagnati che si trovano all’interno dei centri hotspot delle isole dell’Egeo.Alla luce della spirale di violenza registrata a Lesbo e dell’aumento degli arrivi nelle isole che potrebbero portare a un ulteriore peggioramento delle condizioni di vita nei campi, l’azione immediata è più che mai urgente.

Gli hotspot dell’Unione Europea sulle isole dell’Egeo sono luoghi completamente inadeguati e in alcuni casipericolosi per la salute e la vita dei minori non accompagnati”, ha dichiarato Stephanie Pope, Policy and Advocacy Manager per Refugee Rights Europe. “È sufficiente che ogni stato membro dell’Unione accolga un esiguo numero di minori affinché questa situazione intollerabile possa arrestarsi. Crediamo che l’Unione Europea possa fare di più e meglio”. Più di 1,800 minori non accompagnati stanno lottando per sopravvivere all’interno delle isole greche, hanno riferito le organizzazioni. I bambini sono privati dei loro diritti fondamentali come un rifugio sicuro, l’accesso all’acqua, al cibo, ai medicinali, alla salute psicologica e all’istruzione. Esposti a condizioni di vita inumane e degradanti, molti minori non sono neanche alloggiati in luoghi adeguati alle loro condizioni a causa della mancanza di spazio. Sono inoltre costretti ad affrontare precarie condizioni sanitarie e molti di loro dormono all’aperto.

“I minori non accompagnati sono uno dei gruppi più vulnerabili al mondo”, ha affermato Eva Cossé, ricercatrice greca per Human Rights Watch. “Ciò nonostante, i minori sono privati dei più basilari beni di prima necessità e vivono in condizioni inumane.”

“I minori non accompagnati bloccati sulle isole greche devono essere urgentemente assistiti”. Esposti a molteplici pericoli, molti sono costretti a dormire all’aperto, senza alcun basilare sostegno che allevi la loro sofferenza o che li aiuti nella difesa dei propri diritti. Coloro che hanno familiari in altri paesi dell’Unione Europea devono essere ricongiunti. Tutti i bambini devono essere protetti. Questo può avvenire attraverso canali di ricongiungimento esistenti o nuovi accordi bilaterali fra gli Stati Membri e la Grecia” ha aggiunto Dimitra Kalogeropoulou, direttrice di IRC Greece.

Gli psicologi che lavorano a Lesbo hanno riferito ai media che che un crescente numero di bambini ha comportamenti autolesionisti e suicidi. Alcuni minori intervistati da una delle organizzazioni hanno riportato ansia, depressione, mal di testa ricorrenti e insonnia.

“In assenza di adeguate misure di protezione, i minori non accompagnati che vivono sulle isole greche vengono esposti a molteplici forme di sfruttamento”, ha affermato Elina Sarantou, coordinatrice di programma per HIAS Greece. “Ogni giorno che passa, ogni ora in più in cui questi bambini rimangono in simili condizioni, non fa che ampliare il numero di sfruttamenti e abusi a loro danno.”

I tutori per minori sono quasi totalmente assenti e solo nei limiti richiesti dalla legislazione greca, fatto che esacerba ulteriormente la situazione. Un progetto di tutoraggio lanciato dall’organizzazione non governativa METAdrasi si è interrotto nel 2019 a causa della mancanza di fondi.

“Centinaia di bambini sono bloccati in un limbo pericoloso,” ha detto Lefteris Papagiannakis, Direttore del Dipartimento di Advocacy, Policy and Research per Solidarity Now. “Un bambino sotto i 15 anni necessita del consenso da parte di un tutore per accedere ai servizi di supporto legale. Invece molti bambini non hanno un tutore e non c’è modo che ricevano l’aiuto di cui hanno bisogno. Molti sono intrappolati in condizioni terrificanti, impossibilitati a fare richiesta per il ricongiungimento familiare in altri paesi.”

Ritardi nelle procedure di registrazione e la mancanza di rappresentazione e supporto legale per i minori non accompagnati negli hotspot compromette la loro possibilità di ricongiungimento con membri della loro famiglia in altri paesi UE. Il termine per la presentazione della richiesta di ricongiungimento familiare, che è di tre mesi, è spesso non raggiunto poiché è difficile che minori vengano identificati durante questo periodo.

Le condizioni sulle isole greche sono di sovraffollamento inumano”, ha detto Giulia Cicoli, coordinatrice di progetto per “Still I Rise”. “I campi hanno la capacità accogliere al massimo 6,000 persone. Ciò nonostante, sono più di 38,600 ad essere ammassati dentro e fuori dai campi. Questo non è un posto per un bambino.”

I paesi UE dovrebbero condividere la responsabilità e trasferire i minori non accompagnati al di fuori della Grecia, assicurando al contempo che gli interessi dei minori siano adeguatamente tutelati, facilitando il ricongiungimento familiare. Evacuare i minori non accompagnati contribuirà a garantire soluzioni durature. “Ci sono posti vacanti per minori non accompagnati in altri paesi UE e le famiglie stanno aspettando di essere riunite con molti di loro”, ha affermato Lora Pappa, fondatrice e presidente di METAdrasi. “Molti di questi bambini saranno un giorno cittadini europei, per questo dobbiamo infondere in loro i nostri più profondi valori europei fin da subito.”

I paesi UE devono tenere conto dell’emergenza umanitaria sulle isole greche in caso di scadenze per la richiesta di ricongiungimento familiare, hanno detto le organizzazioni. Per i minori che non rispettano il termine di scadenza, sarà necessario applicare la “clausola discrezionale” prevista dal Regolamento Dublino III, che determina quali Stati Membri UE sono responsabili per l’esame di una domanda d’asilo.

È una disgrazia dell’umanità e una macchia sulla coscienza dell’Europa che bambini in condizione di vulnerabilità siano lasciati a dormire all’aperto in un inferno”, ha detto Josie Naughton, CEO of “Help Refugees”. “Questo è assolutamente nelle nostre capacità di cambiamento. Dobbiamo guardare nei nostri cuori e agire immediatamente.”

La lista dei firmatari: 100Million; ADP Amici dei Popoli; Better Days; Boat Refugee Foundation; Caritas Europa; Centro Volontari Cooperazione allo Sviluppo (CVCS) Child Circle; Concord Italia; COP Piemonte; COSPE Onlus; Danish Refugee Council (DRC); Defence for Children International Greece; Defence for Children International Italia; Defence for Children International; Defence for Children the Netherlands (coordinator of the European Children’s Rights Helpdesk project) Défense des Enfants International – Belgique (Defence for Children International – Belgium) Destination Unknown; Diaconia ECCB – Center of Relief and Development Dynamo International – Street Workers Network Eurochild; FENIX Humanitarian Legal Aid; FOCSIV (partner of the project Faces of Migration) Global Call to Action Against Poverty (GCAP) Europe Greek Council for Refugees (GCR); Help Refugees; HIAS Greece; Human Rights Watch; Immigrant Council of Ireland; International Catholic Migration Commission (ICMC) Europe; International Rescue Committee; Khora Legal; Kopin; Legal Centre Lesvos; Lesvos Solidarity ; Lighthouse Relief (LHR); Movimento per l’Autosviluppo, l’Interscambio e la Solidarietà (MAIS); Médecins Sans Frontières; METAdrasi; Missing Children Europe; Mobile Info Team; Moviment Graffitti; Network for Children’s Rights (Greece); Office of the Dean, Faculty for Education University of Malta; One Happy Family; Organising Bureau of European School Student Unions (OBESSU); Organization Mondiale pour l’Éducation Préscolaire/ World Organization for Early Childhood Education; Oxfam; PAX; RE.TE Ong – Associazione di tecnici per la solidarietà e la cooperazione internazionale; Refugee Legal Support (UK); Refugee Rescue; Refugee Rights Europe (RRE); Safe Passage International; Save the Children; SB OverSeas; Solidarity Now; Spark 15; Stichting Vluchteling; Still I Rise; Studenti Ħarsien Soċjali; Tampep Onlus; Terre des Hommes Greece; Terre des Hommes International Federation; Velos Youth; WeWorld Onlus

Fonte: Vita.it – http://www.vita.it/it/article/2020/03/04/le-associazioni-allue-trasferite-urgentemente-i-minori-non-accompagnat/154279/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *