Mano negra, clandestina!

I braccianti agricoli ancora senza diritti.

Si svegliano alle cinque del mattino per andare a lavorare nei campi sotto il sole cocente della Calabria. Stanno con la schiena piegata e la fronte grondante di sudore tutto il giorno, senza avere nessuna garanzia. Sono uomini e donne emarginati, sono quei migranti che, una volta sbarcati in Italia, si riversano nelle coltivazioni di tutto il Meridione, accrescendo il potere del caporalato locale: “L’economia agricola calabrese, specialmente nella zona del reggino, la mantenevano proprio queste persone che venivano segregate e schiavizzate. Dovevano pure tacere se volevano essere impiegate il giorno dopo.” dice Orlando Amodeo, medico presso il centro d’accoglienza di Crotone.

“Per pochi soldi, dieci/quindici euro al giorno, lavorano dalla mattina alla sera, raccogliendo pomodori, mandarini ed arance. L’economia del nostro Paese, soprattutto l’agricoltura, si regge in questo modo e chi afferma il contrario non ha capito niente.” – prosegue il medico – “tutta questa gente che lavora la nostra terra dovrebbe essere assunta legalmente, perché la stragrande maggioranza delle persone che si trovava nella tendopoli di San Ferdinando, pur avendo un permesso, non aveva un contratto di lavoro. Io per quattordici anni, una volta alla settimana, andavo lì a portare medicine, farmaci, bende, garze, alcool e disinfettante per aiutarli come potevo.” I braccianti agricoli, infatti, vivono in una sorta di jungla e come ha ricordato qualche giorno fa, sul suo profilo Facebook,Aboubakar Soumahoro, i diritti e la dignità sono spesso negati ai lavoratori della terra, anche agli italianissimi.

“Uno Stato serio, di qualunque fazione, dovrebbe mettere in regola chi si spacca la schiena e non far sempre guadagnare i pochi eletti, peraltro proprio in quella zona densamente ‘ndranghetista.” spiega Amodeo. “Però non è sempre così: in Calabria ci sono molte persone perbene che non sfruttano i migranti. Per la raccolta delle olive, io ne ho fatti assumere una quindicina col contratto di lavoro. Noi abbiamo un cuore grande e siamo molto più intelligenti di quello che ci vogliono far sembrare. Adesso sta funzionando anche la ripartizione, perché dal centro ne abbiamo mandati tantissimi in Germania ed in altre nazioni.”

“Il problema è che quando le cose funzionano, non se ne parla. La cosa più assurda è stato leggere, qualche giorno fa, un post di un ex ministro sulla regolarizzazione di seicentomila migranti, c’è però un piccolo inghippo. Cinque/sei mesi fa, lo stesso signore ha detto che non erano seicentomila, ma novanta. Allora, prima erano seicentomila, una volta ministro si sono ridotti improvvisamente a novanta e adesso sono di nuovo seicentomila.” – continua Amodeo – “È il momento di regolarizzarli, perché 1/3 del nostro raccolto, senza il loro lavoro, andrà perso. In Sicilia, così come in Calabria, tantissimi giovani hanno lasciato la campagna da vent’anni per andare in città e non torneranno indietro. Abbiamo bisogno di gente che coltivi la terra e che sia capace di farlo. Quando lo capiremo, sarà tardi.”

Fonte: I Siciliani – http://feedproxy.google.com/~r/isiciliani/~3/YJ85ewpKkQc/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *