L’embargo al tempo del Covid 19

30 aprile 2020 – Tonio Dell’Olio – Mosaico dei giorni

Sono molti i dubbi sull’opportunità dell’embargo cui ricorrere per indurre governi e regimi autoritari ad avviare un processo di pace o a ristabilire il diritto in una nazione. Generalmente a farne le spese non sono certo i potenti.

Semmai ci dovrebbe essere un serio e scrupoloso embargo di commercio di armi che, a quanto pare, non viene attuato. L’embargo si rivolge contro la popolazione civile e, soprattutto, contro quella parte della popolazione più povera, indifesa e inerme.

Per tutte queste ragioni l’embargo è una guerra condotta con altri mezzi. A questo fa riferimento l’appello di molte realtà internazionali che chiedono all’ONU di sospendere l’embargo ai danni della Siria. Tra gli altri ha aderito Romano Prodi che dice: “Mai più nella mia vita mi sarei immaginato di dover firmare un appello perché si togliesse l’embargo che non consente di portare medicine e presidi in un Paese che da nove anni è in guerra e che ora è provato anche dalla pandemia”. In realtà le sanzioni non consentono nemmeno che giungano
risorse con cui il governo dovrebbe provvedere alla cura e alla prevenzione del
contagio oltre che alla crisi economica ancora più dura. Pax Christi
International per parte sua, inascoltato da circa un mese (27 marzo), si è
rivolto direttamente a Trump per chiedere di rimuovere l’embargo ai danni della
Striscia di Gaza, dell’Iran e della Siria stessa. Mantenere tali misure in
questo momento, oltre che insensato, appare crudele.

https://www.mosaicodipace.it/mosaico/a/47606.html

Fonte: Pax Christi – http://www.paxchristi.it/?p=16732

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *