Fase due: picchiamo i gay

Altro che solidarietà e tolleranza. A Milano l’odio-virus cresce

 “Ieri sera sono uscito col mio cane, lo volevo portare a spasso. Indossavo le scarpe comode, sapevo che avrei camminato parecchio. Dopo qualche minuto si sono avvicinati tre ragazzi per chiedermi una sigaretta. Io non fumo e quindi ho risposto che non ce l’avevo, con gentilezza. Poco dopo hanno cominciato a gridare a gran voce verso di me “Frocio” – Matteo ha gli occhi lucidi mentre racconta.  “Poi uno dei tre si è voltato e mi ha stampato un bel pugno in faccia, sullo zigomo destro”. Matteo, grafico digitale, ha deciso di esporsi con un video di denuncia su Instagram.

“Incassato il colpo non riuscivo a parlare, ero sotto shock. Tornato a casa ho chiamato mia madre che mi ha rassicurato e poi sono andato a dormire”- continua Matteo-“ Subisco da una vita questi atti di bullismo: prima succedeva perché portavo gli occhiali, l’apparecchio per i denti e per i chili messi su, ora invece mi fanno un occhio nero per strada.”

“Voi lo sapete che vergogna si prova ad essere bullizzati? Non ho paura di essere me stesso e anzi voglio dire come stanno le cose, voglio parlare e non subire passivamente.”

“È iniziata la fase due, è il momento per diventare più solidali”…. Sì, ma non raccontatelo a Matteo.

Fonte: I Siciliani – http://feedproxy.google.com/~r/isiciliani/~3/hx7qyOa7PqQ/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *