Il Manifesto di Altreconomia

1.Un’informazione senza padroni.
I nostri editori sono i soci della cooperativa e i lettori. Limitiamo la pubblicità a pochi inserzionisti etici. Siamo vocati a un giornalismo di inchiesta e “lento” con cui affrontiamo -nella rivista e nei libri- le notizie scomode e la complessità del reale.

2. Una ribellione alla logica del profitto.
Da 20 anni le nostre pagine svelano le storture del sistema economico globale neoliberista. Facciamo resistenza culturale al “pensiero unico” e denunciamo con forza la logica della “crescita” e le sue odiose conseguenze, quali le disuguaglianze e la devastazione dell’ambiente.

3. La voce di chi non ha voce.
Restituiamo la parola a chi se l’è vista togliere o non l’ha mai avuta, alle realtà più fragili, povere e marginali, a tutti i “piccoli”, a chi è “fuori mercato”. Diamo spazio a chi vede i suoi diritti messi a rischio o violati, dai lavoratori sfruttati ai migranti, dai popoli indigeni alle comunità in pericolo.

4. La narrazione di un’economia solidale.
Siamo da sempre il volàno di un’economia differente: mettiamo in luce le storie di tutti i pionieri che lavorano e producono ispirandosi a principi di giustizia sociale e ambientale e di democrazia: fair trade, finanza etica, agricoltura bio, turismo responsabile, cooperazione.

5. Una fucina di consumatori responsabili.
Forniamo la cassetta degli attrezzi per chi vuole praticare un consumo critico e consapevole, rimarcando la storia socio-ambientale di prodotti e imprese, preferendo per gli acquisti quotidiani -e non solo- filiere etiche e ispirate a criteri di sobrietà, rispetto della Terra, zero waste.

6. L’ispirazione per un nuovo stile di vita.
Raccontiamo l’epifania di un mondo dove è normale circolare in bicicletta, fornirsi di energia da fonti rinnovabili, avere un conto corrente etico, recuperare il “saper fare” con le mani, camminare la natura e il selvatico, coltivare la lentezza, aumentare il buen vivir e non il Pil.

7. Una community aperta e solidale.
Vogliamo tessere insieme ai nostri soci, alle reti dell’economia solidale e alle istituzioni una tela comunitaria, un “noi” solidale dove le relazioni -non le cose e il denaro- sono il vero capitale. Una comunità che si prenda cura dei bisogni reali di ciascuno, dei beni comuni e dell’ecosistema.

8. Una fonte di “notizie disarmate”.
Siamo orgogliosamente nonviolenti e contro ogni guerra, palese o nascosta, che sia combattuta con le armi reali o con quelle non meno micidiali dell’economia e del “mercato”. Crediamo nella resistenza nonviolenta di persone e popoli e nella conversione delle spese militari in strumenti di pace.

9. Un presidio per diritti e legalità.
Con il faro dei valori della Carta nata dalla Resistenza e dell’antifascismo, denunciamo i soprusi perpetrati in ogni forma, legale o illegale, dalle mafie ai centri di potere dell’economia globale. Né possiamo tacere quando chi ha il monopolio dell’uso della forza ne abusa.

10. Un luogo di “comune sentire”.
Vogliamo immaginare, con i nostri soci e lettori, un altro mondo possibile, dove possano crescere e prosperare le alternative -locali e globali, culturali e pratiche, normative e politiche- all’attuale sistema e ai potentati economici che oggi calpestano i diritti umani, sociali e ambientali.

Altreconomia è un’impresa cooperativa trasparente e aperta, con rapporti di lavoro duraturi e senza gerarchie economiche al suo interno. Il sogno che vogliamo condividere con i nostri soci è contribuire e partecipare a una “società delle relazioni” che abbia tra i suoi fondamenti la democrazia economica, la partecipazione reale di tutti i cittadini, l’accoglienza e l’integrazione tra persone di nazionalità e culture diverse, la fine di ogni discriminazione di genere, la sobrietà dei consumi, la difesa dei beni comuni, la salvaguardia del Pianeta, la soddisfazione dei desideri più profondi, personali e sociali, la responsabilità verso le generazioni future.

Da vent’anni Altreconomia garantisce un’informazione dei fatti indipendente e attenta. Racconta un’economia differente, ispirata a principi di giustizia sociale e ambientale. Per continuare a farlo, lancia la campagna di ricapitalizzazione straordinaria “Mille azioni per il futuro”. Senza azioni, non c’è Altreconomia. Ora la tua può fare la differenza. Leggi come partecipare e diventare socio della cooperativa su soci.altreconomia.it

© riproduzione riservata

Fonte: Altreconomia – https://altreconomia.it/manifesto-altreconomia-mille-azioni-per-il-futuro/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *