Perché ArcelorMittal va via

Intervista di Radio Radicale ad Alessandro Marescotti

ArcelorMittal sta perdendo circa cento milioni di euro al mese e per questo va via da Taranto, portando però con se il portafoglio clienti di quella che è stata la più grande acciaieria d’Europa.

4 giugno 2020

Maurizio Bolognetti (Radio Radicale)


ILVA di Taranto
Nel corso dell’intervista sono stati discussi i seguenti temi:

Note: L’intervista è stata registrata martedì 2 giugno 2020 alle ore 17:00.

Articoli correlati

  • Tensione a Taranto, CGIL: "Quest’azienda ci prende per i fondelli"

    Taranto Sociale

    Alla vigilia della presentazione del nuovo piano industriale

    Tensione a Taranto, CGIL: “Quest’azienda ci prende per i fondelli”

    La UILM: “I segnali che arrivano da ArcelorMittal restano fortemente negativi e io ribadisco quanto ho già detto mesi fa: basta, discorso chiuso, ArcelorMittal va accompagnata alla porta”.

    4 giugno 2020 – AGI

  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell’Italia

    Onore a quell’operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle “polveri velenose” erano state vendute e poi mescolate – da una società con tanto di partita IVA – a interiora di animali e raspi d’uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt’Italia.

    1 giugno 2020 – Alessandro Marescotti

  • Volevano tanto bene a Taranto

    Taranto Sociale

    E l’ultima notizia è che concedono altri 14 mesi di proroga alla copertura dei nastri trasportatori

    Volevano tanto bene a Taranto

    Ma si sono dimenticati i tarantini nel forno. I bambini esplodevano uno dopo l’altro come chicchi di pop-corn. E gli ultimi che avrebbero dovuto aprire il portellone non l’hanno fatto.

    31 maggio 2020 – Alessandro Marescotti

  • Acciaio: il ministro Patuanelli parla nuovamente di "miliardi di tonnellate" al posto di "milioni"

    MediaWatch

    Errore già ripetuto a marzo, sempre sulla produzione annua dell’industria siderurgica nazionale

    Acciaio: il ministro Patuanelli parla nuovamente di “miliardi di tonnellate” al posto di “milioni”

    Sulla produzione annua di acciaio del ciclo a caldo da parte dell’Italia, Patuanelli parla di “solo 6 miliardi di tonnellate di acciaio provenienti dalle lavorazioni a caldo” quando la produzione mondiale annua di acciaio non arriva ai due miliardi di tonnellate annue.

    28 maggio 2020 – Redazione PeaceLink

Fonte: Peacelink.it – https://www.peacelink.it/ecologia/a/47756.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *