Oltre 145 organizzazioni diffondono un appello globale per una “nuova normalità”

Più di 145 organizzazioni della società civile internazionale (tra cui la Rete Italiana per il Disarmo) hanno pubblicato oggi una lettera congiunta in cui affermano che il disarmo umanitario può aprire la strada ad un mondo post-pandemico migliore.

Sostenuta da campagne globali che hanno ottenuto due premi Nobel per la pace e promosso la creazione di quattro Trattati internazionali negli ultimi 25 anni, la lettera sottolinea come il collaudato approccio del disarmo umanitario incentrato sull’uomo dovrebbe guidare gli sforzi attuali e futuri per affrontare la pandemia e far progredire la sicurezza umana.

I firmatari della lettera sono organizzazioni locali, nazionali, regionali e internazionali di tutto il mondo e che si occupano di disarmo, diritti umani, pace, fede, medicina, azioni studentesche, sviluppo. L’ampio sostegno che si è diffuso in tutte le campagne sottolinea la serietà con cui la comunità del disarmo umanitario considera l’appello espresso nella lettera.

Il disarmo umanitario cerca di ridurre la sofferenza umana e i danni ambientali causati dalle armi. “Per far progredire i suoi obiettivi di prevenzione e riparazione del danno, il denaro investito in armi inaccettabili sarebbe meglio speso per scopi umanitari” si legge nel testo.

Poiché il COVID-19 esacerba le disuguaglianze e presenta nuove sfide per i sopravvissuti ai conflitti e per altre persone con disabilità, la lettera mette in guardia anche contro l’emarginazione radicata e strutturale. E per questo chiede misure inclusive e non discriminatorie per portare le comunità colpite nel processo decisionale del rilancio post- pandemia.

Fonte: Rete Italiana per il Disarmo – https://www.disarmo.org/rete/a/47819.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *