Srebrenica, non basta la memoria!

L’11 luglio di 25 anni fa l’uccisione di oltre ottomila persone. Ancora oggi si cerca di dare un volto e un nome a chi è stato seppellito nelel fosse comuni. Ma ricordare deve servire a non commettere più gli stessi errori. Ma l’export di armi continua e le guerre non sono affatto ripudiate…


Il-governo-serbo-e-il-genocidio-di-Srebrenica

Era l’11 luglio 1995. Il massacro di Srebrenica. Oltre 8.000 persone uccise e sepolte nelle fosse comuni. Ancora oggi, 25 anni dopo, si continuano a seppellire le persone dando un volto e un nome ai resti che ancora chiedono giustizia.

È doveroso ricordare e non dimenticare. Soprattutto non dimenticare le vittime. Ho avuto modo di incontrare in questi anni alcuni famigliari delle vittime di Srebrenica. Sempre quando si guarda a una guerra bisogna partire dalle vittime. Come ha detto papa Francesco il 13 settembre 20014 a Redipuglia: «Qui e nell’altro cimitero ci sono tante vittime. Oggi noi le ricordiamo. C’è il pianto, c’è il lutto, c’è il dolore. E da qui ricordiamo le vittime di tutte le guerre».

Ricordare per non ripetere e per capire che simili tragedie non avvengono ‘per caso’.
Ci sono delle responsabilità, e ormai dopo 25 anni, volendo, si sanno.

Ricordare e guardare anche alle guerre di oggi, partendo dalle vittime.

Perché se le guerre le fanno gli altri, è più facile condannarle. Se siamo coinvolti in qualche modo anche noi è più difficile averne notizia ed è più difficile condannarle: Afghanistan, Iraq… Yemen.

Si, proprio lo Yemen questo sconosciuto… Migliaia di vittime civili in questi ultimi anni. Bombardamenti da parte dell’Arabia Saudita anche con bombe made in Italy.
Da tanto tempo lo denunciamo: bombe della RWM di Domusnovas, in Sardegna, continuano a partire per Riyad.

Molti oggi faranno memoria del massacro di Srebrenica e avranno parole di condanna e di impegno perché certe cose non succedano più.

Poi però le scelte di guerra continuano a essere quelle più vincenti.

La politica non ha messo in agenda il ripudio della guerra.

Anzi: l’export di armi aumenta, come testimonia anche l’inchiesta pubblicata sul numero in edicola di Famiglia cristiana.

Le vittime contano sempre meno, e al primo posto ritornano gli interessi: delle aziende che producono, delle banche coinvolte, della politica sottomessa e di una coscienza che rischia di adeguarsi e rassegnarsi.

«Mentre il popolo soffre», affermava Papa Francesco il 5 luglio 2016 nel messaggio alla Caritas Internazionale, «incredibili quantità di denaro vengono spese per fornire le armi ai combattenti, e alcuni dei paesi fornitori di queste armi sono anche fra quelli che parlano di pace. Come si può credere a chi con la mano destra ti accarezza e con la sinistra ti colpisce?»..

Ricordare è doveroso, ma non basta.

Renato Sacco

Famiglia Cristiana 

Fonte: Perlapace.it – http://www.perlapace.it/srebrenica-non-basta-la-memoria/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *