L’Italia aderisca al Trattato ONU per la proibizione delle armi nucleari

Lettera ai presidenti del Senato e della Camera dei Deputati

L’Italia e’ tra i paesi che questo fondamentale Trattato ancora non lo hanno ne’ sottoscritto, ne’ ratificato. In mancanza di questa firma ogni dichiarazione da parte dei piu’ autorevoli rappresentanti istituzionali del nostro paese rischia di apparire un esercizio di retorica.

12 agosto 2020

Peppe Sini

“L’ITALIA ADERISCA AL TRATTATO ONU PER LA PROIBIZIONE DELLE ARMI NUCLEARI”. UNA LETTERA APERTA ALLA PRESIDENTE DEL SENATO E AL PRESIDENTE DELLA CAMERA

Gentilissima Presidente del Senato della Repubblica,
gentilissimo Presidente della Camera dei Deputati,
ricorrendo nei giorni scorsi il LXXV anniversario delle bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki, tanto il Presidente della Repubblica, quanto Lei, Presidente del Senato, e Lei, Presidente della Camera, ha e avete diffuso messaggi di cordoglio per le vittime e di esortazione all’impegno affinche’ simili orrori non abbiano a ripetersi mai piu’ e si proceda quindi verso il disarmo, la pace, la cooperazione fra tutti i popoli nel riconoscimento della comune umanita’ di tutti gli esseri umani; nella consapevolezza che le armi atomiche mettono in pericolo l’esistenza stessa dell’umanita’ nel suo insieme.
Orbene, come e’ noto, il 7 luglio 2017 una conferenza ad hoc dell’Onu ha adottato il necessario e non piu’ rinviabile “Trattato per la proibizione delle armi nucleari”, che entrera’ in vigore dopo che almeno cinquanta Stati lo avranno sottoscritto e ratificato.
L’Italia e’ tra i paesi che questo fondamentale Trattato ancora non lo hanno ne’ sottoscritto, ne’ ratificato.
In mancanza di questa firma ogni dichiarazione da parte dei piu’ autorevoli rappresentanti istituzionali del nostro paese di cordoglio per le vittime e di apprensione per le sorti dell’umanita’, ogni appello da parte dei piu’ autorevoli rappresentanti istituzionali del nostro paese all’impegno altrui in assenza del nostro, rischia di apparire – ahinoi – come un vaniloquio, un esercizio di retorica, un atto di ipocrisia. E siamo certi che non erano questi il sentimento e l’intenzione vostra e del Presidente della Repubblica.
Come gia’ innumerevoli associazioni umanitarie ed innumerevoli cittadine e cittadini, vi esortiamo pertanto anche noi ad assumere un impegno concreto, preciso e non piu’ rinviabile: adoperarvi affinche’ l’Italia sottoscriva e ratifichi nel piu’ breve tempo possibile il Trattato Onu del 7 luglio 2017 per la proibizione delle armi nucleari.
E’ in vostro potere convocare le Conferenze dei capigruppo di entrambi i rami del Parlamento affinche’ l’organo legislativo del nostro ordinamento giuridico deliberi un documento in tal senso che impegni e vincoli l’esecutivo.


Invia anche tu questa lettera

Fonte: www.peacelink.it – https://www.peacelink.it/editoriale/a/47914.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *