E’ Tempo del Creato!

In Europa e nel mondo il periodo liturgico noto come «Tempo del creato» viene celebrato dal 1° settembre al 4 ottobre in un numero sempre più crescente di chiese. L’idea originaria risale al 1989, quando il patriarca ecumenico Dimitrios suggerì che il primo giorno dell’anno ortodosso, appunto il 1° settembre, venisse considerato giorno «di protezione dell’ambiente naturale»: era il tempo dell’Assemblea ecumenica europea di Basilea, in Svizzera.

Successivamente nel 1997 l’Assemblea ecumenica europea di Graz, in Austria, lavorò affinché si ampliasse la proposta e la Rete cristiana europea per l’ambiente (Ecen) esortò le chiese ad adottare un «Tempo del creato» estendendolo fino al 4 ottobre, festa di Francesco d’Assisi.

La celebrazione di questa “stagione liturgica”, che avviene attraverso preghiere, culti cristiani e altre iniziative, è stata fatta propria anche dalla terza Assemblea ecumenica europea di Sibiu, in Transilvania (Romania) che si è svolta nel 2007: si raccomandò allora di dedicarla «alla preghiera per la protezione della Creazione e alla promozione di stili di vita sostenibili che invertano la rotta del nostro comportamento che ha provocato i cambiamenti climatici».

Logo

Dunque sta per iniziare un tempo il cui tema quest’anno è “Giubileo per la Terra” e tra le crisi che hanno scosso il nostro mondo, dovute anche alla pandemia, si avverte urgente la necessità di risanare i nostri rapporti con il creato e l’uno/a con l’altro/a: durante il Tempo del Creato, dunque, quest’anno si vuole entrare in un momento di risanamento e di speranza, un giubileo appunto per la nostra Terra, che richiede assolutamente modi nuovi di vivere con il creato e nel creato.

Possiamo andare a piedi o utilizzare i mezzi pubblici? possiamo evitare l’usa e getta? possiamo acquistare prodotti e oggetti ecosostenibili? possiamo ancor prima ridurre i consumi, tutti, e i rifiuti? Anche e proprio ora che l’emergenza sanitaria prevede, per esempio, l’utilizzo di mascherine e igienizzanti che minacciano pesantemente l’ambiente. Come cristiani e cristiane cosa significa avere avuto in dono tutto il Creato da custodire con responsabilità e non da dominare e asservire indiscriminatamente, come si è voluto credere significassero le parole scritte nel libro della Genesi nell’Antico Testamento. E’ davvero il tempo di agire ed è assolutamente necessaria tutta l’intelligenza e la creatività di cui siamo capaci come genere umano!

Che si sia persone singole, gruppi di cambiamento sociale, comunità o chiese, con “audacia profetica” come detto nel video che ne spiega le fasi, è possibile partecipare attivamente e registrare il proprio evento.

Fonte: Peacelink.it – https://www.peacelink.it/ecologia/a/47943.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *