Campagna: Scuole Smilitarizzate (anticipazione del lancio ufficiale)

“Una società più giusta e solidale passa
necessariamente attraverso una scuola in grado di educare le nuove generazioni
a ideali, valori e modelli di comportamento ispirati alla Pace, ai Diritti, al
dialogo e al rifiuto di ogni forma di di violenza e quindi della guerra”

Così potrete leggere nella presentazione del
documento che accompagnerà il lancio della campagna SCUOLE SMILITARIZZATE. La
scuola, che  in questi giorni è “sorvegliata
speciale”, si sta organizzando minuziosamente per accogliere tanti bambini e
ragazzi che dalla fine di febbraio non frequentano a causa del covid. Progettare
gli spazi, i materiali, le mense in sicurezza… ma l’obiettivo primario è quello
di recuperare la relazione con bambini e ragazzi. Fondamentale, in un rapporto
educativo, rientrare in contatto, ripristinare relazioni  fatte di scambio, apertura, accoglienza
reciproca, superando la diffidenza e la paura dell’altro che abbiamo rinforzato
in questo tempo così impegnativo. Questo è un periodo fertile per costruire
ponti, per guardare il Creato con rispetto, per abbattere muri, per imparare a
vivere con più semplicità e rispetto per la difesa della vita. La crisi del
covid può diventare  opportunità  per orientare la scuola a costruire  progetti di educazione alla pace e alla
nonviolenza.

Il cuore del documento che avvierà la nuova
campagna di SCUOLE SMILITARIZZATE, elenca  nove punti a cui i singoli insegnanti ma
soprattutto i collegi docenti potranno aderire, impegnandosi in attività,
progetti di educazione alla pace, pratiche di difesa civile nonviolenta, realizzarli,
divulgarli, come, tra l’altro, indicato nelle “Linee guida per l’educazione
alla Pace e alla cittadinanza glocale”.

Diventa importante mettersi in gioco, come
Punti Pace, per collaborare, portare le esperienze e la testimonianza  di operatori di pace.

La campagna SCUOLE SMILITARIZZATE è promossa da Pax Christi, MIR con la collaborazione di Sos diritti, ma stanno aderendo molte associazioni, perché siamo certi che lavorare insieme, per dare voce alla Pace, ci aiuti a  rendere migliore la nostra casa comune, ferita da tante guerre e tanta violenza.

Sonia Zuccolotto

Fonte: Pax Christi – http://www.paxchristi.it/?p=17380

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *