Per queste ragioni, convintamente, #IoVotoNO

Io_voto_NO

Volete il Parlamento efficiente? Abbandonate il sistema maggioritario tripolare che genera solo stalli alla messicana.

Volete meno sprechi? Tagliate la spesa militare.

Volete tagliare funzionari inutili? Mandate in prepensionamento generali e colonnelli in sovrannunero.

I politici non vi rappresentano? Ripristinate il voto di preferenza.

La classe politica è corrotta? Fate un concorso pubblico per estendere l’organico della Guardia di Finanza.

Ti fa schifo la P2? Non votare per mutilare il Parlamento come auspicavano i piani di Gelli.

Decidere in tanti è lento e complicato? Ma è più sicuro che far decidere due o tre segreterie di partito pilotando minions piazzati nei listini bloccati come premio fedeltà.

Ti fanno schifo le lobby dei potenti? Un parlamento mutilato per loro sarà una pacchia.

Ti piacciono le riforme utili al paese per dare voce al popolo? Ribellati ad uno scempio istituzionale scritto da incapaci, che darà a certe regioni meno senatori dei senatori a vita, e alle regioni a statuto speciale più rappresentanti di altre regioni più popolose.

Pensi che il Parlamento abbia tradito i cittadini? Ti hanno tradito governi di partiti che vogliono decidere da soli, senza il Parlamento tra i piedi.

Ti senti maltrattato dalla politica? In realtà ti hanno maltrattato le consorterie che vogliono mutilare il Parlamento.

Non voglio essere complice della devastazione istituzionale gradita alle lobby e alla casta dei partiti, e di riforme in linea con i progetti eversivi della P2 di Licio Gelli. Sono persuaso che mutilare il Parlamento porterà un danno profondo al tessuto sociale e a tutti gli italiani. Per questo, pubblicamente e convintamente, #IoVotoNo per tracciare una linea chiara e rossa di separazione tra me e i piani di eversione legalizzata dell’ordine istituzionale, che minacciano il futuro del mio paese, la sua gente, e i miei cari.

Condividi:

Fonte: Matita Rossa – http://gubitosa.blogautore.espresso.repubblica.it/2020/09/09/iovotono/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *