La parola ai lettori: valuta l’edizione 2020 di Valigia Blu

La parola ai lettori: valuta l’edizione 2020 di Valigia Blu

3 min lettura

Lo scorso anno vi abbiamo chiesto di sostenere l’edizione 2020 di Valigia Blu. Una sfida ancora più impegnativa perché si è trattato della quinta campagna di crowdfunding con un obiettivo ancora più alto –  raggiungere i 50mila euro – per potenziare la qualità e la quantità delle nostre pubblicazioni e rafforzare il dialogo e il confronto con la nostra community. Per questo abbiamo creato il gruppo chiuso su Facebook “Sostenitori di Valigia Blu” (aperto a chi ha fatto una donazione di almeno 10 euro) e, dopo anni di incontri, scambi, discussioni digitali, da settembre avevamo iniziato a organizzare incontri dal vivo per conoscere di persona la community nata intorno a Valigia Blu, e creare occasioni di collaborazione, confronto e conversazione.

Ci siamo incontrati due volte a Roma. Durante il primo incontro – “Costruire una community intorno ai contenuti di qualità” – abbiamo ripercorso la storia di Valigia Blu, dalla mobilitazione online di cittadini per una richiesta di rettifica al TG1 fino al blog collettivo senza pubblicità e al crowdfunding annuale per sostenere un’informazione di qualità che vede al centro i lettori e la conversazione sui social. Nel secondo – “Il giornalismo  è conversazione” – abbiamo raccontato gli strumenti di verifica e fact-checking per contrastare la disinformazione su ONG e migranti, e in un’intervista collettiva con i giornalisti Nello Scavo e Francesca Mannocchi, particolarmente impegnati con il loro lavoro d’inchiesta su questi temi, abbiamo parlato di flussi migratori e politiche di accoglienza e immigrazione. Sono stati incontri molto belli, con tanta voglia di ascoltare, partecipare, raccontare le proprie esperienze personali e questa sensazione di fondo di un sincero desiderio di aver cura del nostro ecosistema informativo.

Avremmo voluto proseguire con questi cicli di incontri, ma poi è arrivata la pandemia di Sars-CoV-2 che ha sconvolto le vite di tutti. Abbiamo cercato di coprire l’epidemia da più punti di vista possibile, nel limite delle nostre forze, provando a fare quello che abbiamo sempre fatto, “creare senso dove c’è rumore”: le caratteristiche del nuovo coronavirus e gli effetti della malattia COVID-19, anche a lungo termine; le cure possibili e la ricerca di un vaccino; le origini del virus e la disinformazione circolata intorno a una sua possibile realizzazione in laboratorio; il punto sulle ricerche e gli studi pubblicati di volta in volta; le ricadute da un punto di vista ambientale, economico, lavorativo, sociale e psicologico; le proteste, la situazione nelle carceri e gli effetti sulla violenza domestica. Abbiamo realizzato una sezione specifica sul sito.

Contemporaneamente, abbiamo continuato a occuparci dei temi che abbiamo seguito in questi anni e quelli più dibattuti: il movimento Black Lives Matter e le violenze della polizia statunitense; le elezioni negli Stati Uniti; i movimenti di protesta in Bielorussia, Bulgaria, Ungheria e Polonia; la situazione dei migranti nei campi profughi in Grecia; il cambiamento climatico; la propaganda e le teorie del complotto. Li trovate suddivisi per sezioni sul sito: “Migranti”, “Media Literacy”, “Diritti digitali”, “Scienza”, “Coronavirus”, “Cambiamento climatico”, “Fuori da qui”, “In breve”. Abbiamo pubblicato un ebook che raccoglie i nostri articoli sul cambiamento climatico e lanciato per la prima volta, dietro suggerimento di un lettore, la versione podcast degli articoli di approfondimento che trovate incorporati all’inizio dei pezzi e qui su anchor, la piattaforma di distribuzione (trovate i nostri podcast anche nella sezione specifica del sito).

Il nostro modello di informazione sui social e di partecipazione e cura della community è basato sul non-profit e sul sostegno di chi ci segue e apprezza il nostro lavoro. Per noi collaborazione e conversazione sono fondamentali. Per questo, come ogni anno, vi chiediamo qualche minuto per rispondere al questionario che abbiamo preparato e valutare le nostre attività informative. Vogliamo conoscere il vostro parere, capire se siete soddisfatti o insoddisfatti di quello che abbiamo fatto, se vi siamo stati utili o meno, se incontriamo le vostre esigenze informative, dove e come possiamo migliorare. Non raccogliamo i dati, le vostre risposte resteranno anonime. Il questionario sarà aperto fino all’1 novembre e potrà essere compilato direttamente a questo link: https://it.surveymonkey.com/r/valigiablu2020

.esd-form { margin: 30px auto; padding: 1px 20px;
}
.esd-form h3 { margin-top: 30px ; padding: 1px 20px;
} .capt{ background-color:grey; width: 250px; height:50px; } .capt h2#mainCaptcha{ padding-top:0; }
.capt3{ width: 250px; height:50px;text-align: left; }
.capt2{ text-align: left; } #mainCaptcha{ position: relative; top: 5px; } #refresh{ position:relative; height:30px; background-image: url(rpt.jpg);
} #txtInput { position: relative; width: 250px;
}

Segnala un errore

Fonte: Valigia Blu – https://www.valigiablu.it/questionario-valigia-blu-edizione-2020/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *