Cina, l’epidemia è sotto controllo

In Cina, non risultano decessi da Covid-19 da circa metà marzo. Il totale delle vittime è circa 4.600 su quasi un miliardo e mezzo di persone. La provincia di Hubei ha avuto circa venti volte meno decessi della Lombardia. Come è possibile? Hanno mentito sui dati? Di certo sono confrontabili con i dati di altri paesi asiatici vicini: anche in quelli la mortalità è stata minima o inesistente…

Tratta da unsplash.com

Vi ricordate di quando a gennaio i Cinesi (o quelli che sembravano cinesi) venivano insultati per la strada da gente che credeva che fossero degli appestati? Le cose sono cambiate un bel po’ e oggi sono i cinesi a credere che siamo noi italiani gli appestati.

In Cina, non risultano decessi da Covid-19 da circa metà marzo. In quanto a casi positivi, dopo quella data ci sono stati solo occasionali “focolai” di poche decine di casi, quasi tutti di importazione (2). L’economia cinese è ripartita e adesso funziona a pieno regime.

Da quello che si legge sui media internazionali e da quello che mi dicono i colleghi che vivono e lavorano in Cina, al momento il paese è completamente aperto. Tutte le attività commerciali e industriali sono in funzione. I negozi e i ristoranti sono aperti e non ci sono restrizioni ai viaggi. Portare mascherine è opzionale. Dalle foto che arrivano dalla Cina, vedi per esempio quella che vi passo qui, (del “China National Day” del 1 Ottobre), si vede che la gente non fa molto caso agli “assembramenti” di persone senza mascherine.

Va detto anche che non è che in Cina abbiano “abbassato la guardia.” Sicuramente stanno ancora attenti a molte cose e il governo interviene energicamente appena viene fuori qualche piccolo focolaio. Per esempio, le autorità della città di Qingdao hanno trovato recentemente un focolaio che sembra essere stato originato dai una partita di merluzzo congelato di importazione. Di conseguenza, si sono impegnati a testare per il Covid tutti i 9 milioni di abitanti della città! (3). Ma, nel complesso, è chiaro che in Cina e altrove in Asia l’epidemia è sotto controllo senza bisogno di lockdown.

Non solo l’epidemia sembra sparita in Cina, ma ha anche fatto pochissimi danni. Il totale delle vittime è circa 4.600 su quasi un miliardo e mezzo di persone. Ovvero 3 decessi per milione contro i quasi 600 dell’Italia, un valore che ritroviamo in altri paesi europei. Anche se consideriamo soltanto le regioni geografiche dove il virus ha colpito più duramente, troviamo che la provincia di Hubei ha avuto circa 20 volte meno decessi della Lombardia. (4)

Come è possibile una cosa del genere? Si legge spesso sui social e sui media che la Cina ci avrebbe imbrogliato e che starebbe continuando ad imbrogliarci. Si legge a volte che, dato che la Cina è una dittatura, se ne dovrebbe dedurre che tutto quello che ci dice il governo cinese non può essere che falso — incluso il fatto che l’epidemia non c’è più. È possibile una cosa del genere?

Va detto che spesso i governi non si fanno troppi scrupoli a imbrogliare la gente. Abbiamo visto in altri articoli come almeno un paese europeo, la Bielorussia, potrebbe aver parzialmente falsificato i dati sull’epidemia (5). Per quanto riguarda la Cina, ci sono casi precedenti di dati falsificati. Per esempio, un’analisi dei dati sulla pesca che arrivavano dalla Cina negli anni 1990 ha indicato evidenti falsificazioni per nascondere l’esaurimento degli stock (6),(7)). Ma un’epidemia è una faccenda ben più grave e più estesa di un imbroglio in uno specifico settore commerciale. Sarebbe molto difficile anche per il governo cinese nasconderla se ce ne fosse una in corso.

Certo, tutto è possibile, ma se vogliamo credere che i cinesi ci raccontino balle sull’epidemia dobbiamo in qualche modo portare qualche evidenza in proposito. Rimanendo sull’esempio dei dati sulla pesca, una delle ragioni che ha portato a sospettare della validità dei dati cinesi erano le anomalie che si notavano confrontando con i dati di altre regioni simili. Possiamo trovare qualche anomalia del genere per la pandemia?

Sembra proprio di no: i dati cinesi sulla diffusione del Covid-19 sono confrontabili con i dati di altri paesi asiatici vicini che, in generale, hanno avuto mortalità minima o inesistente. Per esempio, Taiwan ha fatto anche meglio della Cina continentale con un totale di 7 decessi su 23 milioni di abitanti (meno di un decesso per milione). Altri paesi hanno fatto un po’ peggio, ma sono comunque rimasti su livelli molto bassi di mortalità. Singapore riferisce 5 decessi per milione, Hong-Kong 13. Anche il vicino Giappone ha subito solo 13 decessi per milione. Poi, sia la Mongolia che Macao riferiscono addirittura zero decessi. Certo, uno potrebbe dire che la Mongolia non conta perché è un paese di cammellieri che vivono in tende in mezzo al deserto, ma ovviamente non è così. La capitale, Ulan Bator, è una metropoli con oltre un milione di abitanti. Macao, poi, è una città di 700.000 abitanti ad altissima densità di popolazione, forse la più alta al mondo. E l’epidemia è passata sia da Ulan Bator come da Macao senza lasciare nemmeno una vittima! È quanto meno poco credibile che tutti questi governi si siano messi d’accordo per nascondere al resto del mondo un’epidemia in corso.

Ma perché in Asia le cose vanno tanto meglio che da noi? Forse i cinesi hanno usato misure di contenimento particolarmente efficaci? Per certi versi, il lockdown cinese di quest’anno può essere stato più drastico di quello occidentale, ma non è durato più a lungo che da noi. Non è nemmeno possibile dire che sia stato più tempestivo se, come dicono gli stessi cinesi, il virus già circolava a dicembre. Il lockdown è stato istituito a Wuhan soltanto il 23 Gennaio e alcuni giorni dopo per tutta la provincia di Hubei.

A proposito del “distanziamento sociale,” sappiamo tutti che in Asia si tende a evitare il contatto fisico fra le persone. Ma è anche vero che se vi è mai capitato di prendere la metro in una città orientale (per esempio a Tokyo (8)) vi sarete fatti un’idea molto specifica del significato dell’espressione “strizzati come le sardine”. Se non avete avuto questa esperienza, vi passo il link a un video impressionante della metropolitana di Beijin (9). Le metropoli orientali sono estremamente affollate e in certe condizioni è semplicemente impossibile evitare il contatto fisico.

[embedded content]

Può darsi allora che il trucco sia stato nel “contact tracing”? In effetti, da quello che si legge si potrebbe pensare che i paesi asiatici siano stati più aggressivi di noi nel tracciamento e l’isolamento delle persone che sono state in contatto con persone colpite dal virus (10). Questa è una spiegazione interessante, ma non è che in Europa il tracciamento non sia stato fatto. Forse non lo abbiamo fatto abbastanza bene? È possibile, ma non abbiamo confronti quantitativi che ci possano dire se questa è la spiegazione di tutta la faccenda.

C’è anche un altra possibile interpretazione che non ha a che vedere con quello che i governi hanno fatto o non fatto. Può darsi che i cinesi siano stati esposti al virus per più tempo di noi occidentali e quindi si siano avvicinati prima all’“immunità di gregge” Probabilmente avete sentito parlare di Li Wenliang, il medico cinese che aveva notato per primo dei casi di polmonite anomala a dicembre e che poi è morto lui stesso per aver contratto l’infezione. Inizialmente, non fu creduto, ma oggi è considerato un eroe in Cina. Li aveva cominciato a lanciare l’allarme verso la fine di dicembre del 2019, ma nulla ci vieta di pensare che il virus esistesse già da tempo in Cina, forse anche in forme leggermente diverse da quella che poi ha colpito l’Europa. Soltanto, le persone colpite venivano diagnosticate come normali casi di polmonite.

È possibile che la popolazione cinese fosse stata stata esposta al virus già molto prima della dichiarazione dell’emergenza? C’è un dato che ci potrebbe dare una forte indicazione in proposito: la mortalità in eccesso. Se l’epidemia esisteva già a Novembre-Dicembre del 2019, o anche prima, dovremmo vedere una mortalità anomala rispetto alla media per quel periodo. Ottima idea, ma con un problema: i dati sulla mortalità aggiuntiva in Cina non si trovano in nessun posto sul Web. Attenzione: questo non vuol dire che il governo cinese ci nasconda qualcosa. Quasi nessun governo al mondo diffonde questi dati in una forma facilmente accessibile per chi non conosce la lingua locale. L’Europa è un’eccezione con un database sull’eccesso di mortalità chiamato “Euromomo” gestito da un network che fa capo all’Oms, ma non c’è niente del genere per l’Asia Orientale. Quindi, per il momento l’idea di un inizio anticipato dell’epidemia rimane un’ipotesi.

Ci sono altri fattori che potremmo metterci a esaminare ma questo virus ci ha abituato al fatto che le previsioni e le interpretazioni si rivelino sempre sbagliate. Anche in un recente articolo su Nature (11), gli autori hanno detto francamente che “non siamo ancora in grado di fornire una spiegazione generalizzate per le differenze di mortalità quantitative osservate fra i vari paesi”. Così, dobbiamo contentarci di dire che l’epidemia ha fatto danni molto meno gravi in Asia che da noi per qualche ragione che, al momento, non possiamo identificare con certezza.

Ma rimaniamo su quello che sappiamo, ovvero che al momento le cose in Cina vanno decisamente bene e dal caso cinese possiamo perlomeno capire che non siamo di fronte a un nemico invincibile. È possibile batterlo senza dover necessariamente distruggere l’economia con dei lockdown prolungati e generalizzati. In Cina, infatti, il lockdown “duro” ha interessato soltanto una provincia di 60 milioni di abitanti, grande come l’Italia, ma niente in confronto al miliardo e 400 milioni di abitanti di tutta la Cina. Certamente, da noi siamo in un momento molto difficile, ma non è impossibile superarlo e non c’è ragione di pensare che dovremo continuare a vivere nel terrore nei secoli a venire.


L’autore ringrazia Chandran Nair per i suoi commenti sulla situazione in Cina.

1. https://ugobardihomepage.blogspot.com/…/ugo-bardis-personal…
2. http://www.nhc.gov.cn/…/2fbce5a9836d4b09a89a0d85a2e05ac2.sh…
3. https://www.globaltimes.cn/content/1203836.shtml
4. https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=176464484012617&id=111172767208456
5. https://ugobardi.blogspot.com/…/pandemia-e-possibile-che-qu…
6. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/11734851/
7. http://www.fao.org/3/Y3354M/Y3354M00.htm
8. https://www.youtube.com/watch?v=E7kor5nHtZQ
9. https://www.youtube.com/watch?v=9ulY7N3dZ9k
10. https://www.bloomberg.com/…/these-elite-contact-tracers-sho…
11. https://www.nature.com/articles/s41591-020-1112-0

Ugo Bardi è docente presso il Dipartimento di Chimica dell’Università di Firenze (1)


Link alla fonte originale (titolo completo Cina: l’epidemia è sotto controllo. Ma come ci sono riusciti?): qui pubblicato con l’autorizzazione di Pillole di ottimismo (che ringraziamo)


<!–
–>
Fonte: comune-info – https://comune-info.net/cina-lepidemia-e-sotto-controllo/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *