Scuola: come affrontare l’anno più difficile?

Martedì 10 novembre seminario di riflessione e progettazione didattica per docenti e dirigenti scolastici.


10novembreFasciaGrandeLow

La diffusione della pandemia covid19 continua a porre ogni giorno nuove difficoltà alla scuola e all’educazione. E così, ogni giorno, dirigenti scolastici e docenti cercano il modo migliore per prendersi cura della formazione dei propri alunni e studenti.

Le scuole stanno diventando un laboratorio di resilienza, creatività e innovazione didattica grazie allo strenuo impegno di tutti quei dirigenti e docenti che credono sino in fondo nel valore della loro azione educativa.

Ma quali sono concretamente le attività didattiche possibili al tempo del covid? Come promuovere la cultura della responsabilità e della cura? Come sviluppare l’insegnamento dell’educazione civica? Come praticare la centralità degli studenti e sollecitare il loro protagonismo? Come utilizzare al meglio le tecnologie? Come mantenere una scuola aperta e solidale nella comunità? Attraverso quali iniziative è possibile accrescere la motivazione all’apprendimento degli alunni/studenti? Come contrastare l’abbandono scolastico? Quali suggerimenti pratici possiamo condividere?

Per cercare assieme le risposte a queste domande, la Rete Nazionale delle Scuole di Pace invita docenti e dirigenti a partecipare al Seminario di riflessione e progettazione intitolato “Idee per affrontare l’anno più difficile” che si svolgerà martedì 10 novembre dalle 16.00 alle 18.00 via ZOOM.

Il Seminario ci consentirà, inoltre, di illustrare alcune proposte per:

1. progettare il 10 dicembre, Giornata Internazionale dei Diritti Umani;


2. proseguire il programma “Io ho cura”;


3. sviluppare l’insegnamento dell’educazione civica.

Per partecipare si prega di contattare la segreteria della Rete Nazionale della Scuole di Pace:

M 335.1431868 – email info@scuoledipace.it

www.lamiascuolaperlapace.it

Fonte: Perlapace.it – http://www.perlapace.it/scuola-affrontare-lanno-piu-difficile/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *