Non lasciare intentata nessuna strada!

Lettera della sorella di Padre Paolo Dall’Oglio nel giorno del compleanno del fratello, scomparso in Soria 7 anni fa.


AYOUNI - 6 - Machi on bus-k5aD-U3200991287175EdE-656x492@Corriere-Web-Sezioni

Oggi, 17 novembre 2020 ricorre il compleanno di mio fratello Paolo. 2665 giorni sono trascorsi dal suo sequestro in Siria nel luglio 2013.

Sette anni lunghi e dolorosi anche se sempre accompagnati dalla consapevolezza che Paolo si sentiva chiamato ad una missione che sentiva profondamente dentro di se e che come dice lui stesso:” Per ragioni che hanno a che vedere con l’impegno della mia vita, questa è una guerra civile che lacera la mia anima. Vorrei fare qualcosa per fermarla… Ma non voglio vivere una vita che sia altro da un dono radicale” Collera e Luce EMI 2013

La domanda di verità su ciò che è successo è un diritto ma è anche un dovere della comunità nazionale ed internazionale verso di lui e non solo.

Significa individuare le responsabilità e gettare le basi per una futura pacificazione.

Per innestare i semi dell’armonia è necessario guarire tutte le ferite che in questi nove anni di conflitto si sono aperte, a partire dalla verità sulle migliaia di siriani scomparsi perché arrestati, sequestrati o peggio, uccisi.

Riportare a casa chi è ancora segregato e dare sepoltura a chi è stato ucciso, dando finalmente sollievo alle famiglie che da anni aspettano, è un dovere che chiama in causa anche i Paesi occidentali.

Si ribadisce la necessità di chiedere verità su Paolo. Negli ultimi mesi, il ritorno a casa di Silvia Romano, Padre Luigi Maccalli e Andrea Chiacchio – tutte persone su cui le speranze cominciavano a indebolirsi – è stata fonte di grande gioia ma anche di speranza.

Ed è con questo tipo di ottimismo che si rinnova l’appello a non lasciare intentata nessuna strada. Sarebbe il più bel regalo che si potrebbe fare a Paolo e al suo impegno per l’armonia su questa terra.

Francesca Dall’Oglio
17 novembre 2020

Fonte: Perlapace.it – http://www.perlapace.it/non-lasciare-intentata-nessuna-strada/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *