Una coperta di lana infinita per ricordare il piccolo Yusuf

Il Forum Lampedusa solidale che ha come sede principale la parrocchia è nato cinque anni fa anche per portare una coperta ai tanti migranti che arrivano sull’isola. «Adagiare una coperta significa prendersi cura, come facciamo con i nostri bambini in famiglia, con le persone che più amiamo o come quando nel nostro caso portiamo una coperta al molo», spiega Don Carmelo La Magra che con il Forum ha lanciato l’iniziativa.

«Un gesto che riprende la tradizione delle nostre nonne, segno visibile di una testimonianza di affetto nei confronti dei più cari» aggiunge il sacerdote che davanti a questa idea pensa ai più deboli in particolare al piccolo Yusuf e ai 18 pescatori di Mazara del Vallo, da 81 giorni in prigione in Libia.

«La coperta non sarà mai finita: potrà sempre essere ingrandita e diventerà patrimonio condiviso della comunità di Lampedusa e Linosa», si legge nel post che attraverso l’invio di un quadratino di coperta si rivolge a:«Chi, pur essendo consapevole di non potere fare molto per cambiare tutto ciò, ha voglia di dire che un’alternativa è possibile e che il Mediterraneo deve tornare a essere fonte di vita, una madre che abbraccia e protegge i suoi figli e le sue figlie». Perché una coperta scalda il corpo, ma soprattutto l’anima.

Fonte: Vita.it – http://www.vita.it/it/article/2020/11/20/una-coperta-di-lana-infinita-per-ricordare-il-piccolo-yusuf/157446/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *