Armi nucleari bandite: 50esima ratifica del trattato delle Nazioni Unite

“Qualsiasi uso di armi nucleari sarebbe aberrante per i principi dell’umanità”
Trattato sulla proibizione delle armi nucleari

Per decenni Pax Christi International ha lavorato per un mondo senza armi nucleari con membri e partner da ogni angolo del mondo. Oggi, l’Honduras, ha ratificato il Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari, concordando con 84 altri firmatari e 49 altri Stati parti di “mai in nessuna circostanza. . . sviluppare, testare, produrre, fabbricare, altrimenti acquisire, possedere o accumulare armi nucleari “.

Il trattato apporta la forza del diritto internazionale agli sforzi di disarmo nucleare.
Pax Christi International celebra questo traguardo storico, compresi gli sforzi della Campagna internazionale per l’abolizione delle armi nucleari, vincitrice del Premio Nobel per la pace 2017, di cui siamo membri. Più di 80 paesi hanno mostrato una leadership morale attraverso firme e ratifiche anticipate, e invitiamo i restanti Stati membri delle Nazioni Unite a seguire il loro esempio.

Il nuovo trattato rafforza la pressione legale, diplomatica e finanziaria oltre alla difesa pubblica per l’eradicazione totale delle armi nucleari. Il trattato entra in vigore tra tre mesi.

I dispositivi nucleari sono armi di distruzione di massa, con radiazioni che colpiscono in modo sproporzionato donne e ragazze. Le popolazioni indigene sono particolarmente vulnerabili poiché le loro terre vengono sfruttate per l’estrazione di risorse e per testare lo sviluppo di tecnologie nucleari. Il trattato delle Nazioni Unite obbliga gli Stati parti ad aiutare con l’assistenza alle vittime e il risanamento ambientale, all’interno e al di fuori delle proprie giurisdizioni.

Si stima che circa 200.000 persone siano morte come conseguenza diretta dei bombardamenti di Hiroshima e Nagasaki, con molti sopravvissuti – hibakusha – ancora alle prese con discriminazioni, traumi e vasti problemi di salute. Pax Christi International e attraverso i membri di tutte le regioni continueranno a sostenere ulteriori firme, ratifiche e piena attuazione di questo trattato.

Il nostro lavoro continuerà con i leader della chiesa, i governi e le Nazioni Unite. In qualità di movimento cattolico per la pace, guardiamo in particolare al Vaticano per una leadership, incoraggiati dalle parole di Papa Francesco: “Il destino comune dell’umanità richiede un mondo senza armi nucleari”. Il Trattato sulla proibizione delle armi nucleari è il primo accordo internazionale legalmente vincolante per vietare in modo completo le armi nucleari.

Ci sono nove stati dotati di armi nucleari nel mondo, nessuno dei quali ha firmato il trattato. È stato adottato dalle Nazioni Unite il 7 luglio 2017. Per il testo completo del trattato, visitare il sito web delle Nazioni Unite. Per ulteriori informazioni sugli sforzi in corso per costruire un mondo senza armi nucleari, visitare il sito web dell’ICAN.

(https://paxchristi.net/2020/10/24/nuclear-weapons-banned-50th-ratification-of-united-nations-treaty/)

Fonte: Pax Christi – http://www.paxchristi.it/?p=17601

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *