“La comunità internazionale deve trovare una soluzione duratura alla terribile situazione dei Rohingya”

“La comunità internazionale deve trovare una soluzione duratura alla terribile situazione dei Rohingya”

3 min lettura

Nel Bangladesh meridionale, giovedì 14 gennaio, un incendio ha distrutto centinaia di ripari di migliaia di persone all’interno del campo Nayapara che ospita profughi Rohingya, descritti come “la minoranza più perseguitata al mondo”.

L’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) ha comunicato che più di 550 alloggi precari – che ospitavano almeno 3.500 persone – sono stati danneggiati o distrutti nell’incendio, così come 150 negozi. Un rifugiato di nome Mohammed Arakani ha detto che «E-block è completamente bruciato», riporta Reuters: «Non è rimasto niente. Non è stato salvato nulla. Tutto è bruciato. Tutti stanno piangendo. Hanno perso tutti i loro averi. Hanno perso tutto … tutti i loro beni».

L’UNHCR ha informato inoltre che non risultano vittime e di star fornendo riparo, materiali, vestiti, pasti caldi per fronteggiare le temperature invernali e assistenza medica ai rifugiati rimasti sfollati nel campo nel distretto di Cox’s Bazar, nel Bangladesh sud-orientale, al confine con il Myanmar. Le autorità stanno indagando sull’origine delle fiamme.

Questo incendio, spiega  sul New York Times, è capitato in un momento in cui i funzionari in Bangladesh stanno cercando soluzioni a lungo termine per le centinaia di migliaia di rifugiati che negli ultimi anni hanno attraversato il confine dal Myanmar. I Rohingya sono un gruppo etnico, per la maggior parte di fede musulmana, che vive dal XII secolo a Myanmar, paese prevalentemente buddista. Da tempo vengono denunciate violente persecuzioni nei loro confronti da parte del paese. Le autorità di Myanmar hanno sempre negato tali accuse. 

“Questo è un altro colpo devastante per i Rohingya che hanno sopportato per anni difficoltà indicibili. Il devastante incendio di oggi avrà tolto a molte famiglie di rifugi e dignità, di quel poco che era stato lasciato loro. È un altro orribile avvertimento che ci ricorda come i bambini bloccati nei campi di Cox’s Bazar affrontino un futuro tetro con poca libertà di movimento, accesso inadeguato all’istruzione, povertà, gravi rischi di protezione e abusi, compresi i matrimoni precoci. Questo è il motivo per cui la comunità internazionale deve trovare una soluzione duratura alla difficile situazione dei Rohingya”, ha dichiarato in una nota Onno van Manen, direttore di Save the Children in Bangladesh. 

Leggi anche >> Myanmar: la strage dei Rohingya, 80000 bambini senza cibo e il silenzio del Nobel Aung San Suu Kyi

Lo scorso maggio, un altro incendio aveva distrutto più di 400 baracche e negozi in un vicino campo profughi di Kutupalang sempre a Cox’s Bazar. “Con una popolazione in aumento e la costruzione di nuove strutture di accoglienza nel tempo, – continua il New York Times – i funzionari del Bangladesh affermano che è diventato sempre più difficile per i vigili del fuoco spostarsi nelle aree dei bassifondi. Le autorità del paese dichiarano che stanno cercando di ridurre la popolazione in alcuni campi, con un piano per spostare 100mila persone in un’isola del Golfo del Bengala”.

Nei primi giorni di dicembre il governo del Bangladesh ha iniziato a trasferire alcune migliaia di Rohingya, nonostante le proteste di diversi gruppi per i diritti umani che hanno denunciato che questa isola non è sicura e che alcuni dei trasferimenti sarebbero stati forzati.

Foto in anteprima via @UNHCR_BGD

.esd-form { margin: 30px auto; padding: 1px 20px;
}
.esd-form h3 { margin-top: 30px ; padding: 1px 20px;
} .capt{ background-color:grey; width: 250px; height:50px; } .capt h2#mainCaptcha{ padding-top:0; }
.capt3{ width: 250px; height:50px;text-align: left; }
.capt2{ text-align: left; } #mainCaptcha{ position: relative; top: 5px; } #refresh{ position:relative; height:30px; background-image: url(rpt.jpg);
} #txtInput { position: relative; width: 250px;
}

Segnala un errore

Fonte: Valigia Blu – https://www.valigiablu.it/bangladesh-rohingya-incendi/ – per l’indicazione esatta dell’autore fare riferimento a questo link che contiene il post originale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *