Afroitaliani, generazioni a confronto: un evento online di WeWorld Onlus

WeWorld Onlus organizza una tavola rotonda online, dove due generazioni di afroitaliani si confronteranno sul tema: “Quali sono i traguardi ereditati e le sfide che attendono i giovani neri italiani?”
L’evento si svolgerà in diretta Facebook a partire dalle ore 18, giovedì 28 gennaio ed è gratuito e aperto a tutti.

Verranno ascoltate le voci di Uoldelul Chelati Dirar, professore di Storia e Istituzioni dell’Africa dell’Università di Macerata, Pap Khouma, scrittore, Ifeoma Nneka Emelurumonye, specializzata in Igiene e Sanità Pubblica e Mackda Ghebremariam Tasfaù, docente di Sociologia delle Relazioni Internazionali all’UniverMantova.
A seguire è prevista la proiezione integrale della web serie Tutti i giorni- Everyday prodotta da WeWorld all’interno del progetto europeo CiakmigrAction, presentata da Alberto Boubakar Malanchino, attore e Special Guest della serie, Daniele Gentili, executive producer e i saluti di Marco Lombardo, Assessore alle Relazioni europee ed internazionali del Comune di Bologna.
Coordinano l’appuntamento Alessandra Coppola e Kibra Sebhat, La Città Nuova Corriere della Sera.

Per partecipare è sufficiente recarsi alla pagina Facebook di WeWorld Onlus.

La web serie e l’evento fanno parte del progetto europeo #CiakmigrAction che – dando voce ai giovani e ai migranti, coinvolgendo i giornalisti e le istituzioni – vuole diffondere una narrazione delle migrazioni positiva, bilanciata e libera da stereotipi, per contrastare l’aumento delle forme di odio e intolleranza, di diffidenza e paura nei confronti delle diversità.
Il progetto è co-finanziato dal Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione dell’Unione Europea e promosso da We World GVC Onlus in collaborazione con Comune di Bologna, Coop Sociale Dedalus (Napoli), Suedwind (Austria), Action Aid Hellas (Grecia), Artemisszio Foundation (Ungheria).

Fonte: Bandieragialla.it – https://www.bandieragialla.it/eventi/afroitaliani-generazioni-a-confronto-un-evento-online-di-weworld-onlus/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *