Emergenza freddo in Libano

Ad Arsal, cittadina libanese a 1500 metri sopra il livello del mare, le condizioni meteo in inverno possono diventare particolarmente difficili.

Le decine di migliaia di rifugiati siriani che si trovano nel Paese sono tra le persone più vulnerabili: vivono in tendopoli, esposti al freddo e al meteo avverso, con limitato accesso alle cure mediche.

La vita è davvero dura. Fa freddo, piove molto e l’acqua si infiltra ovunque. La stufa non basta per scaldarci. Rifugiata siriana ad Arsal

[embedded content]

Cosa stiamo facendo

Con i nostri team, forniamo assistenza medica a pazienti con malattie croniche, assistenza per la salute sessuale e riproduttiva, consultazioni pediatriche e servizi di supporto psicologico.

Ci occupiamo inoltre dell’importante aspetto della promozione alla salute. I nostri operatori raggiungono le comunità e sensibilizzano le persone sulle buone pratiche per la prevenzione delle malattie e sui servizi offerti da MSF. In questo periodo, in particolare, si concentrano sulla sensibilizzazione in merito all’infezione da Covid-19.

Fonte: Medici Senza Frontiere – https://www.medicisenzafrontiere.it/news-e-storie/news/freddo-libano/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *