Comunicato stampa dei Garanti di Mediterranea

Mare Jonio, i Garanti di Mediterranea: sicuri che tutto sarà chiarito. Vicini a chi salva vite in mare.

Come garanti continuiamo a essere orgogliosi di aver dato il nostro contributo e di fare parte della comunità di uomini e donne che hanno messo in mare e fanno navigare la missione umanitaria collettiva Mediterranea.

Saremo sempre a fianco di salva vite in mare fiduciosi che da questa inchiesta, come dalle altre, Mediterranea e la Mare Jonio, usciranno senza alcuna ombra. Abbiamo fiducia nella magistratura e per questo confidiamo che l’inchiesta dimostrerà come l’operazione di trasbordo di 27 migranti dalla portacontainer della Maersk Etienne alla Nave Jonio sia stata effettuata, come tutte le altre operazioni di soccorso di Mediterranea, nel rispetto del diritto internazionale e del diritto marittimo italiano.

La solidarietà e il soccorso in mare non sono e non potranno mai essere reato. Al contrario sono azioni che assecondano la legge del mare e le leggi internazionali, ma soprattutto che salvano l’onore dell’Italia e dell’Europa.

Così i Garanti di Mediterranea, l’associazione di rappresentanti istituzionali che sostiene la missione umanitaria, sull’inchiesta di Ragusa (Bruno Bossio, De Petris, Fratoianni, Majorino, Migliore, Muroni, Orfini, Palazzotto, Pini, Raciti, Rizzo Nervo, Smeriglio e Usuelli).

Comunicato dei Garanti di Mediterranea del 2 marzo 2020

Fonte: Mediterranea – https://mediterranearescue.org/news/comunicato-stampa-dei-garanti-di-mediterranea/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *