Le false “aperture” di Franceschini
Le false “aperture” di Franceschini

Stefania Brai*

Il ministro Franceschini – e il governo Draghi – invece di promettere pericolose, demagogiche e improvvisate riaperture dei luoghi e delle attività culturali; invece di “aprire” l’intervento pubblico all’investimento in piattaforme per la cultura italiana – ma naturalmente col nome inglese – che avranno solo l’effetto disastroso di aumentare la desertificazione di questo paese e portare alla chiusura definitiva di tanti luoghi di produzione e fruizione culturale; invece di continuare ad “aprire” e condizionare la produzione culturale al mercato e al turismo, invece di “elargire” bonus che nulla risolvono nella vita concreta delle persone, dovrebbe dare ascolto e “aprire” i tavoli ministeriali ai lavoratori e alle loro richieste. I quali, oltre ad occupare piazze e teatri, hanno in questi mesi studiato ed elaborato proposte sulla loro condizione lavorativa e sulla necessità di riforme strutturali dei settori dello spettacolo.

Rifondazione comunista ha sempre sostenuto e sostiene le lotte per il riconoscimento dei diritti e della dignità del lavoro nei settori dello spettacolo e della produzione artistica.

Per affrontare la tragedia occupazionale causata dalla pandemia Rifondazione comunista chiede l’immediata istituzione di un fondo per la costituzione e l’erogazione mensile di un “reddito di emergenza”  – a partire dal gennaio 2021 – per tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori dello spettacolo.

Ma Rifondazione comunista si batte per riforme strutturali che garantiscano alle lavoratrici e ai lavoratori della cultura ammortizzatori sociali, malattie professionali, infortuni sul lavoro, invalidità, ferie, formazione, maternità, disoccupazione, diritto alla pensione. Per mettere fine alle false partite iva che costringono artisti e lavoratori della cultura ad essere imprenditori di se stessi.

Il Prc si batte perché – fuori dall’emergenza – sia finalmente riconosciuto il carattere “intermittente”, precario e spesso “sommerso” del lavoro artistico e quindi perché sia istituito un fondo per garantire un “reddito di continuità” mensile a tutte le lavoratrici e a tutti i lavoratori della cultura, a prescindere dal contratto di lavoro.

*responsabile nazionale cultura Partito della Rifondazione comunista/Sinistra europea


 

Sostieni il Partito con una



 
Appuntamenti

Fonte: Rifondazione Comunista – http://www.rifondazione.it/primapagina/?p=46556

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *