Sono entrato nel palazzo di giustizia del mio paese e ho trovato il tempio di un incantatore di serpenti

Abbiamo deciso di tradurre l’ultima newsletter di “Tricontinental: Institute for Social Research” – un istituto di ricerca internazionale, con sedi in India, Sudafrica, Argentina e Brasile. Buona lettura!


Quindicesima newsletter, 2021 

Care compagne, cari compagni

Saluti dalla redazione di Tricontinental: Istituto di ricerca sociale

Una domenica sera del 21 marzo 2021, degli uomini armati hanno fermato Juan Carlos Cerros Escalante (41 anni) mentre camminava da casa di sua madre a casa sua nel villaggio di Nueva Granada vicino a San Antonio de Cortés (Honduras). I killer hanno aperto il fuoco davanti a una chiesa cattolica, uccidendo questo leader delle comunità unite davanti ai suoi figli. Sul posto, quaranta proiettili sono stati trovati.

Jorge Vásquez della Piattaforma Nazionale dei Popoli Indigeni dice che Juan Carlos Cerros è stato minacciato per essere il leader dei popoli Lenca che lottano in difesa della loro terra. Carlos Cerros è stato ucciso”, dice Vásquez, a causa del lavoro che portiamo avanti”. Nessuno dei suoi assassini è stato arrestato.

Due settimane e mezzo dopo, il 6 aprile, Roberto David Castillo Mejía è entrato nella Corte Suprema di Tegucigalpa, la capitale dell’Honduras.

Castillo, ex presidente di Desarrollos Energéticos Sociedad Anónima (DESA), la società dietro il progetto della diga Agua Zarca sul fiume Gualcarque, si è presentato per affrontare le accuse di essere la mente dell’assassinio del 2016 di Berta Cáceres, la leader del Consiglio Civico di Organizzazione Popolare e Indigena dell’Honduras (COPINH). Il giorno dopo, su richiesta della difesa, la Corte ha accettato di sospendere il processo per la quarta volta.

Prima della sospensione, i legali che rappresentano Berta e la sua famiglia hanno presentato nuove prove che stabiliscono una più ampia cospirazione che coinvolge la famiglia Atala Zablah. Gli avvocati hanno presentato documenti che provavano il pagamento di 1.254.000 dollari da DESA a Potencia y Energia de Mesoamerica S.A. (PEMSA). Questo denaro è passato dal direttore finanziario della DESA, Daniel Atala Midence, a David Castillo, che poi lo ha incanalato all’ufficiale militare Douglas Bustillo, che ha coordinato l’assassinio di Berta.

Nel 2013 la DESA aveva avviato la costruzione di una diga idroelettrica senza consultare la comunità Lenca, che considera il fiume una risorsa sacra e collettiva. Berta Cáceres si era opposta alla diga di Agua Zarca e aveva difeso la terra del popolo Lenca. Come Vásquez diceva dell’assassinio di Carlos Cerros, anche Berta è stata uccisa per il suo lavoro politico. È stata uccisa, dice la sua famiglia, da una cospirazione che ha coinvolto la famiglia Atala Zablah, i principali finanziatori del progetto della diga. La società della famiglia Atala Zablah, Inversiones Las Jacaranda, ha raccolto i suoi soldi – nonostante gli appelli di Berta – da FMO (una banca di sviluppo olandese), FinnFund (un investitore per lo sviluppo finlandese), e la Banca Centroamericana di Integrazione Economica (un’istituzione multilaterale di sviluppo).

Siamo in una situazione di grande incertezza”

mi ha detto Bertha Zúniga Cáceres, la figlia di Berta Cáceres. Il sistema giudiziario in Honduras non si è mai preoccupato di questo”. Il questo” nella sua dichiarazione si riferisce al ruolo del DESA e dei suoi dirigenti. Le autorità hanno protetto la famiglia Atala Zablah e il partito al potere, che ha cercato di colludere con l’insabbiamento.

Nel 2009, il governo degli Stati Uniti ha partecipato attivamente e incoraggiato l’oligarchia a intraprendere un colpo di stato contro il governo di sinistra di Manuel Zelaya. Da allora, l’Honduras è stato governato dal Partito Nazionale di estrema destra, il cui attuale leader e presidente honduregno è Juan Orlando Hernández (JOH). Dopo l’assassinio di Berta Cáceres, il ministro della sicurezza del presidente Hernández, Julián Pacheco Tinoco, scrisse a Pedro Atala Zablah, uno dei leader della famiglia Atala Zablah e membro del consiglio di amministrazione di DESA. Voleva assicurare ad Atala Zablah e alla sua famiglia che il governo non avrebbe perseguito seriamente il caso; il caso, disse, sarebbe stato visto come un crimine passionale”. Zúniga Cáceres mi dice che né l’esercito ha agito da solo, né la compagnia da sola”. Dice che c’è “un coordinamento tra i centri di potere economico e militare, che è l’essenza della dittatura sotto la quale viviamo in Honduras”.

Questa settimana Tricontinental ha pubblicato un dossier sul golpe del 2009 e sul regime di JOH.

Il dossier esamina come questi processi hanno creato un clima di impunità per la violenza di classe da parte delle élite – come Atala Zablah – contro i leader sociali come Berta Cáceres e Carlos Cerros, persone coraggiose che difendono la dignità e la terra di tutte le persone in Honduras. Le ricerce e la scrittura del dossier sono state fatte in collaborazione con COPINH e Peoples Dispatch (un ringraziamento speciale a Zoe Alexandra). Il dossier, Pity the Nation: Honduras Is Being Eaten From within and without, si divide in tre parti:

  1. La prima parte descrive in dettaglio il colpo di stato del 2009, autorizzato dal governo degli Stati Uniti del presidente Barack Obama e del segretario di Stato Hillary Clinton.
  2. La seconda parte smaschera la struttura del terrore di estrema destra seminato dal regime golpista, che ha i suoi tentacoli ben radicati nel mondo del narcotraffico.
  3. La terza parte fornisce tre esempi dell’ampio attacco alla sinistra honduregna: l’assassinio di Berta, l’attacco ai sindacati e la scomparsa forzata dei leader di Garifuna nel luglio 2020.

La terza sezione si conclude con una citazione di Miriam Miranda, leader dell’Organizzazione Fraterna Nera dell’Honduras (OFRANEH): Siamo stanchi delle bugie del governo dell’Honduras. I rapporti del governo non hanno sostanza. Non dicono nulla. Si prendono gioco di noi, del popolo Garifuna. Non vogliamo bugie. Vogliamo la verità. Vogliamo che la vita valga di più nel nostro paese. Dobbiamo costruire nuove strade. Continueremo a lottare perché questo diventi realtà“.

A Yoro, Honduras, le persone parlano della lluvia de peces, la pioggia dei pesci, che commemorano con una festa durante la stagione delle piogge.

Miracoli come questo, si spera, salveranno la gente dalle tribolazioni della fame. Roberto Sosa (1930-2011), uno dei grandi poeti dell’Honduras, è nato a Yoro, ma si è allontanato dal miracolo verso la politica del popolo e della sinistra. Nel 1968 pubblicò la sua più bella raccolta di poesie, Los pobres (I poveri), che vinse il premio Adonáis. Il titolo di questa newsletter viene da una delle poesie di questa raccolta, La Casa de la Justicia. Eccone un estratto:

Sono entrato
nel Palazzo di Giustizia
del mio paese
e l’ho trovato
un tempio
di incantatori di serpenti.

….

Giudici tetri
parlano di purezza
con parole
che hanno acquisito
lo splendore
di un coltello. Le vittime – in uno spazio ristretto –
in un solo colpo misurano il terrore.

La frase di Roberto Sosa, sono entrato nel Palazzo di Giustizia del mio paese e l’ho trovato un tempio di incantatori di serpenti”, fu citata spesso all’indomani del golpe del 2009 e negli anni successivi. Dopo il colpo di stato, Sosa disse che l’Honduras era stato trasformato in un paese prigione” (en un país cárcel). Oggi tutto il paese è militarizzato”, disse Sosa, ma si è rifugiato nella resistenza massiccia e organizzata che non ha smesso di manifestare contro il governo golpista, una resistenza che non si ritira”.

Anche oggi non c’è nessuna ritirata. Nessuna per il popolo dell’Honduras.

Con affetto,
Vijay

Chi è Vijay Prashad?

Fonte: Potere al popolo – https://poterealpopolo.org/honduras-palazzo-giustizia-tempio-incantatore-serpenti/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=honduras-palazzo-giustizia-tempio-incantatore-serpenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *