Incontro online sul TPAN con alcune comunità parrocchiali catanesi

Il 19 aprile il Punto pace di
Catania ha organizzato e realizzato un incontro online sul TPAN (Trattato di
Proibizione delle Armi Nucleari), coinvolgendo e sollecitando alcune comunità
parrocchiali della periferia di Catania.

Hanno infatti partecipato
all’incontro, oltre agli esponenti del Punto pace e a padre Alfio Carciola,
parroco della comunità dei Santi Pietro e Paolo che ci ospita: padre Ezio Coco,
parroco di Santa Maria degli Ammalati, San Gregorio di Catania; padre Matteo
Minissale, parroco della chiesa Beato Cardinale Dusmet, frazione Montepalma,
Misterbianco (Catania); padre Alfio Carbonaro, parroco della chiesa Santa
Croce, Villaggio Sant’Agata, Catania.

A cura di alcuni esponenti del
Punto pace di Catania è stato dapprima presentato il movimento Pax Christi e
poi ricordato don Tonino Bello, della cui scomparsa il giorno dopo ricorreva il
28^ anniversario. Successivamente è stato illustrato il TPAN e l’importanza del
suo significato, con il racconto del percorso fatto e uno sguardo al futuro,
che richiederà una forte opera di sensibilizzazione e di educazione alla pace.
Sono state anche sottolineate le parole di papa Francesco che sollecitano tutto
il mondo cristiano a impegnarsi in questo senso.

All’incontro è intervenuto molto
utilmente don Renato Sacco, il quale oltre a suggerire i metodi più efficaci
per coinvolgere e informare la popolazione sull’inutile sperpero e sui pericoli
delle armi nucleari, ha raccontato le molte iniziative diocesane e
parrocchiali, in tutta Italia, a favore della campagna “Italia ripensaci!”, per
la firma del Trattato da parte del Governo Italiano.

Il Punto pace di Catania

Fonte: Pax Christi – http://www.paxchristi.it/?p=18108

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *