Lettera al Presidente Draghi: “Difendiamo il soccorso in mare”.
A seguito dell’ultimo, tragico naufragio che è costato la vita a centinaia di persone, abbiamo deciso – insieme a tutte le altre organizzazioni impegnate nella ricerca e soccorso in mare – di scrivere una lettera a Mario Draghi, chiedendo un incontro urgente per valutare iniziative concrete per porre fine a queste stragi. Ecco il testo dell’appello, pubblicato il 26 aprile anche su La Repubblica.

𝐆𝐞𝐧𝐭𝐢𝐥𝐞 𝐩𝐫𝐞𝐬𝐢𝐝𝐞𝐧𝐭𝐞 𝐌𝐚𝐫𝐢𝐨 𝐃𝐫𝐚𝐠𝐡𝐢,

dopo l’ennesima tragedia occorsa nel Mediterraneo giovedì scorso, crediamo indispensabile chiederle un incontro urgente. Ogni volta che si ripete un naufragio speriamo che sia l’ultimo. Anche la tragedia di questi giorni poteva molto probabilmente essere evitata.

Nelle oltre 24 ore trascorse tra la prima segnalazione di Alarm Phone e il consumarsi della tragedia, la Ocean Viking ha atteso un intervento delle autorità marittime che coordinasse le operazioni, ma nonostante le autorità italiane, libiche e maltesi fossero tenute costantemente informate, questo coordinamento non c’è stato, o almeno non ha coinvolto l’unica nave di soccorso presente in quel momento. Che questa mancanza sia stata fatale è sotto gli occhi di tutti: oltre cento persone hanno perso la vita.

Questa, presidente, è la realtà del Mediterraneo. Dal 2014, più di 20.000 uomini, donne e bambini sono morti o scomparsi nel Mediterraneo centrale, che conferma il suo triste primato di rotta migratoria più letale al mondo. Nessuno degli accordi e provvedimenti adottati dagli Stati, dopo la fine dell’operazione Mare Nostrum, è mai riuscito a far diminuire il tasso di mortalità. Da allora le Ong hanno cercato di colmare il vuoto lasciato dagli Stati, ma in assenza di un coordinamento centralizzato, tempestivo e coerente di ricerca e soccorso, tragedie come quelle di giovedì scorso sono le conseguenze da portare collettivamente sulla coscienza.

Per alcuni anni, l’intervento delle navi di soccorso civile è stato accolto con riconoscenza dalle autorità italiane ed europee, con le quali abbiamo collaborato in modo continuativo ed efficace per ridurre la mortalità nel Mediterraneo. Poi le cose sono cambiate: i governi hanno ritirato le loro navi e cessato di coordinare i soccorsi. Le persone, invece che essere soccorse e condotte in un porto sicuro, come vorrebbe la normativa marittima internazionale, hanno iniziato ad essere riportate dalle autorità libiche in Libia, dove sono vittime di detenzioni arbitrarie, violenze e abusi di ogni genere ampiamente documentati. Contestualmente, le Ong sono diventate oggetto di una feroce campagna di delegittimazione e criminalizzazione.

Come ribadito dalla stessa Commissaria europea Von der Leyen, “il soccorso in mare non è un optional”, bensì un preciso obbligo degli Stati, un obbligo giuridico, quindi, oltre che morale. Come Ong siamo in mare a colmare un vuoto, ma saremmo pronte a farci da parte se l’Europa istituisse un efficace meccanismo istituzionale e coordinato di ricerca e soccorso che abbia come scopo primario quello di soccorrere persone in mare.

Signor presidente, le chiediamo un incontro in cui discutere quali iniziative concrete possano essere assunte dal suo governo, coinvolgendo l’Europa, per garantire interventi coordinati e tempestivi di soccorso, affinché salvare vite umane torni ad essere una priorità e inaccettabili tragedie come i naufragi di questi giorni non si ripetano mai più.

𝐀𝐥𝐚𝐫𝐦 𝐏𝐡𝐨𝐧𝐞, 𝐄𝐦𝐞𝐫𝐠𝐞𝐧𝐜𝐲, 𝐌𝐞𝐝𝐢𝐜𝐢 𝐒𝐞𝐧𝐳𝐚 𝐅𝐫𝐨𝐧𝐭𝐢𝐞𝐫𝐞, 𝐌𝐞𝐝𝐢𝐭𝐞𝐫𝐫𝐚𝐧𝐞𝐚, 𝐎𝐩𝐞𝐧 𝐀𝐫𝐦𝐬, 𝐑𝐞𝐬𝐐 – 𝐏𝐞𝐨𝐩𝐥𝐞 𝐒𝐚𝐯𝐢𝐧𝐠 𝐏𝐞𝐨𝐩𝐥𝐞, 𝐒𝐞𝐚 𝐖𝐚𝐭𝐜𝐡, 𝐒𝐎𝐒 𝐌𝐞́𝐝𝐢𝐭𝐞𝐫𝐫𝐚𝐧𝐞́𝐞

Fonte: ResQ – https://resq.it/lettera-al-presidente-draghi-difendiamo-il-soccorso-in-mare/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *